Governo regionale, Crocetta apre ai deputati. L’Udc potrebbe puntare su Gianluca Miccichè

1030

Voglio ricomporre assolutamente la maggioranza, è l’obiettivo primario – ha detto Crocetta – Anche per respingere gli attacchi del vecchio sistema di potere che in Sicilia vuole impedire i cambiamenti”.

Con queste parole il governatore Rosario Crocetta ha accompagnato l’apertura ai deputati in giunta. Non c’è ancora un orario per il vertice di maggioranza, ma gli incontri bilaterali e i contati degli sherpa, lasciano presagire una soluzione a breve del difficile puzzle del nuovo governo regionale, il Crocetta Ter.

Una delle ipotesi più accreditate è l’ingresso in giunta per i deputati che rappresentano una “linea verde”, ovvero giovani, o comunque alla prima esperienza parlamentare, che non hanno alle spalle un bagaglio di correnti partitiche, o ancora peggio qualche inchiesta.

Per l’Udc si fa sempre più insistente nei corridoi dei palazzi di Governo e Parlamento, il nome di Gianluca Miccichè, classe ’76, nisseno, deputato alla prima esperienza da parlamentare, vice segretario regionale dell’UDC e vice presidente della commissione antimafia.

E’ ancora un’ipotesi, sebbene ventilata da più parti. Perché ancora il nodo nella formazione del Crocetta-ter, che dovrà essere il primo vero governo politico dell’era di Saro Crocetta, è rappresentato dalla profondità dell’azzeramento della giunta. Per il PD di Fausto Raciti l’azzeramento dev’essere totale. Per l’Udc non è un problema di nomi, fa sapere il segretario regionale Pistorio, ma se l’azzeramento  sarà di facciata, i centristi chiederebbero di riconfermare gli uscenti.

Sull’eccezione all’azzeramento, rappresentata da Lucia Borsellino nessun alleato di Crocetta osa parlare. Il nodo è rappresentato da quella che Crocetta presenta come un’accoppiata, gli assessori Scilabra e Vancheri. Per la Scilabra si registra il secco no di una parte del PD, mentre per Linda Vancheri, assessore nisseno alle attività produttive, la sensazione è che la posizione del Pd potrebbe essere meno netta

Commenta su Facebook