Gli studenti nisseni muovono guerra al caro libri: chi la spunterà?

In tutta la Sicilia la campanella tornerà a suonare il 14 settembre e, come ogni anno, a ridosso del fatidico primo giorno di scuola, gli alunni e le loro famiglie si stanno premurando di reperire tutto l’occorrente: diario, articoli di cancelleria vari ed, ovviamente, i testi scolastici. Non stupisce che ad incidere più di tutto il resto sul portafoglio delle famiglie siano proprio i libri, motivo per il quale, dei lungimiranti e zelanti studenti si sono attrezzati per ammortizzare il più possibile le spese per il loro acquisto.

2017-09-07-PHOTO-00000040Nasce proprio da questa esigenza il mercatino del libro usato della Rete degli studenti medi che, grazie al solerte impegno di alcuni giovani, ogni settembre, da ormai sei anni a questa parte, combatte il caro libri garantendo, a chi compra, il cospicuo risparmio del 43% su ogni articolo, mentre, a chi vende, il tradizionale 50% del prezzo di listino.

L’iniziativa, che si rivolge agli studenti di tutti gli istituti superiori della città, ha preso il via l’1 settembre e si protrarrà sino al 7 ottobre presso i locali dell’ex Scuola Luigi Capuana, in via Re d’Italia. A motivare tanto impegno e partecipazione non è, benchè già di per sé importante, la sola questione economica ma l’alto senso civico che anima questi giovani i quali letteralmente si battono in nome del diritto allo studio per tutti.

 

Commenta su Facebook