Gli studenti del Volta incontrano il presidente del Parlamento europeo

Il 12 marzo 2021, le classi 3° E e 4° I sono state invitate a partecipare all’evento inerente il progetto Euroscola, avviato dal Parlamento Europeo. Tale evento permette agli studenti delle scuole superiori degli stati membri di prender parte a una simulazione riguardante il lavoro condotto dagli eurodeputati, presso la sede di Strasburgo, in seno alla Comunità Europea. Quest’anno non è stato possibile recarsi presso la sede ufficiale del Parlamento a causa della pandemia, per cui l’evento è stato organizzato in modo alternativo, consentendo la partecipazione a distanza.

Nei giorni antecedenti l’incontro la prof.ssa A. Giunta, docente di Diritto presso l’ istituto, ha illustrato le funzioni principali del Parlamento e della Commissione europea e i progetti intrapresi per far fronte alla crisi sanitaria che stiamo vivendo.

Grazie alla collaborazione della prof.ssa M. Curcio, referente del progetto nella scuola e della prof.ssa M. Amenta, è stata data l’opportunità di partecipare attivamente a quest’incontro.

L’evento, seguito in live-stream e che quindi ha visto la partecipazione di un numero elevatissimo di scuole, ha avuto inizio con il messaggio di saluto del presidente del Parlamento europeo David Sassoli. Successivamente gli studenti hanno rivolto delle domande alla vicepresidente Ms. Katarina Barley e, tra questi, anche una nostra compagna ha avuto l’opportunità di proporne una.

Dopo una breve pausa, l’incontro è continuato con l’esposizione in diretta, a voce ma anche in forma scritta, tramite piattaforma, delle proposte formulate dagli studenti e rivolte a Mr. Jaume Duch Guillot, direttore generale della comunicazione e portavoce del Parlamento europeo e la votazione delle migliori quattro fra queste.

Infine l’evento si è concluso con i ringraziamenti e i saluti da parte dei coordinatori.

Il progetto Euroscola ha rappresentato una grande opportunità per gli studenti, in quanto li ha fatti sentire parte integrante dell’U.E. e ha ricordato quanto sia importante il ruolo attivo dei cittadini, non solo all’interno di ogni singolo Stato ma anche all’interno dell’intera comunità. Inoltre questo incontro è stato molto costruttivo perché lo scambio di idee, l’accoglimento di nuove prospettive, il confronto e la comunicazione hanno promosso una crescita personale che preparerà i giovani a diventare cittadini più responsabili e consapevoli delle proprie scelte.

Commenta su Facebook