Giovanni Ruvolo replica: “Togliamo la foglia di fico, e vediamo la verità. Noi gli stessi di cinque anni fa”

967

“Togliamo la foglia di fico…e vediamo la verità”. Così in un post su Facebook, Giovanni Ruvolo replica alle affermazioni del deputato nisseno e leader siciliano del Movimento Cinquestelle Giancarlo Cancelleri, riportate da Radio CL1 sabato sera alla fine del comizio in piazza Garibaldi, ovvero che “il polo Civico e Giovanni Ruvolo sono la foglia di fico del PD”.
“Chi meglio del m5s può garantire il livello di accordi che il Polo Civico sa fare nell’accogliere istanze di collaborazioni?”, scrive il candidato sindaco del Polo Civico.
“Chi meglio dell’ onorevole Cancelleri Giancarlo può raccontare come noi del Polo Civico sappiamo gestire le alleanze? E soprattutto quale è l’interesse supremo che ci spinge a condividere le responsabilità?”.
“Si perché nel 2009 Intesa Civica Solidale aveva sviluppato lo stesso percorso. Quando allora ci siamo incontrati con il gruppo dei grillini abbiamo proposto obiettivi, metodi e criteri per la scelta della squadra assessoriale. Allora tutto fu deciso a seguito di numerosi incontri, ed alla fine decidemmo l’alleanza e Giancarlo fu inserito nella mia squadra assessoriale. Senza inciuci, senza scambi, solo per il bene della città”.
“Oggi Noi siamo sempre Noi, solo molto più numerosi – spiega Ruvolo – tanto che da ICS è nato il Polo Civico. Chiari i nostri obiettivi, chiaro il metodo partecipativo, ancora più chiari i criteri per la selezione degli assessori. Sono solo cambiati i grillini ed i nostri interlocutori, che come i grillini di allora hanno accettato di condividere la proposta politica del Polo Civico, alle stesse condizioni che Giancarlo e le persone che allora erano presenti ( Zaffuto, Alaimo, Cammarata ed altri) conoscono benissimo. Noi crediamo nelle alleanze, perché rappresentano condivisioni di responsabilità tra gruppi che sanno che da soli non si cambia nulla. Rispetto la decisione del m5s di essere così convinti del contrario, ma invito a confrontarci sulle idee piuttosto che offendere il competitore. Conosco la base del m5s, molti sono miei amici (compreso il candidato Giovanni Magri’) e non credo che le ultime uscite rappresentino le loro qualità personali, morali e culturali”.
“Mettiamo il Bene della Città al di sopra di tutto”, conclude il messaggio.

 

Commenta su Facebook