Giornata mondiale per l’autismo, il 2 aprile al CEFPAS si riflette sul futuro delle persone con disabilità

In occasione della giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo, il Rotary Club di Caltanissetta e il CEFPAS organizzano l’incontro dal titolo “Autismo e altre disabilità ‘Dopo di noi’ – Confronto sull’attuazione della legge 112/2016” che avrà luogo sabato 2 aprile dalle 9.30 alle 13 nella sala “Papa Giovanni Paolo II” del CEFPAS.

Secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale per il monitoraggio dei disturbi dello spettro autistico, in Italia 1 bambino su 77 (età 7-9 anni) presenta un disturbo dello spettro autistico con una prevalenza maggiore nei maschi, che sono colpiti 4,4 volte in più rispetto alle femmine. L’incontro sarà un’occasione per riflettere sia sull’autismo sia sullo stato di attuazione della legge 112/2016 “Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare”, meglio conosciuta come legge sul “Dopo di noi”, che disciplina misure di assistenza, cura, protezione, oltre che il benessere, la piena inclusione sociale e l’autonomia delle persone con disabilità a seguito della morte dei familiari. La normativa prevede inoltre importanti agevolazioni fiscali e l’istituzione di un fondo pubblico di assistenza delle persone con forti disabilità.

A fare i saluti istituzionali saranno Roberto Sanfilippo (Direttore generale del CEFPAS), Francesco Daina (Presidente Rotary Club Caltanissetta), Roberto Gambino (Sindaco di Caltanissetta), Cettina Andaloro (Assessore comunale alle Politiche sociali) e Alessandro Caltagirone (Direttore generale Asp 2). Previsti gli interventi di Guglielmo Reale dell’Assessorato regionale alle Politiche Sociali e Famiglia, Rosanna Andolina (assistente sociale dell’Assessorato comunale alle Politiche Sociali), Elena Improta (presidente Onlus “Oltre lo Sguardo”) e Maurizio Elia (IRCCS Oasi Maria SS. di Troina).

Al confronto partecipano anche esperti e associazioni del Terzo settore che si occupano di assistenza e tutela delle persone fragili. Porteranno il loro contributo Fabio Ruvolo (presidente della cooperativa Etnos), Maria Grazia Pignataro (Presidente dell’associazione Ispedd – Istituto per i disturbi pervasivi dello sviluppo) e Maurizio Nicosia (Presidente ANFFAS) e Giovanna Garofalo di Casa Rosetta. L’analisi delle disposizioni in materia di sicurezza socio-economica, dei vantaggi previsti per i destinatari della legge e delle loro famiglie sarà affidata alle relazioni dei notai Laura Candura e Salvatore Pilato e dell’avvocato Vania Limuti. L’incontro sarà moderato da Rita Marchese Ragona.

Con l’espressione “dopo di noi” ci si riferisce al periodo di vita dei disabili successivo alla scomparsa dei genitori o dei familiari, sul quale legge si sofferma. Lo scopo della legge è quello di garantire la massima autonomia e indipendenza delle persone con disabilità, consentendo loro di continuare a vivere – anche quando i genitori non possono più occuparsene – possibilmente in contesti che siano simili all’ambiente familiare.

QUI il programma della giornata

 

Commenta su Facebook