Giornata della memoria, la commemorazione della Carducci con l’amministrazione comunale di San Cataldo

Intenso momento commemorativo, lo scorso 27 gennaio, presso la Sala Borsellino del Palazzo di Città di San Cataldo. Alla presenza del sindaco Gioacchino Comparato, del vice-sindaco Marianna Guttilla, del dirigente scolastico prof. Salvatore Parenti e della prof.ssa Silvia Naro, una rappresentanza degli alunni della Scuola Secondaria di I grado G. Carducci” ha esposto gli elaborati prodotti per la celebrazione della “Giornata della Memoria”: illustrazione dei plastici sui campi di concentramento (alunni  3^D:  Eleonora E. e Elia R.); i croti della memoria (alunni della 3^ B Daniele V., Sofia T. e della 3^C Francesco D. F. ,Veronica B.); le pietre d’inciampo (alunni della 2^C  Marco A., Vincenzo E., Federica Am., Federica Ar.); la valigia della memoria (alunni della 1^D Vittoria D. e Germano D.S.); brano “La vita è bella” (alunni della 3^D Arcangelo F., Sara F., Luigi L.); recita delle poesie “Se questo è un uomo” e “Scarpette rosse” (alunni della 3^A Angelo E.C., Mattia D. G., Emanuela U., Martina M.); i bambini vittime dell’olocausto (alunni della 2^D Damiano G. e Vittoria U.); “Il valore della scelta”, riflessione attraverso intense e toccanti parole di Liliana Segre, Hanna Arendt e Sophie Scholl – ragazzi coinvolti: Benedetta P. della classe 2^H, Elisabetta R. e Alexia P. della classe 2^L, Gabriele C. e Brjan P. della classe 2^H e Filippo A. della 2^L).

Gli alunni sono stati guidati dalle docenti Barbara Cammarata, Sonia Lipani, Loredana Raimondi, Clara Scarlata, Olimpia Stabile e Aurora Caramia.

In conclusione, l’Amministrazione Comunale di San Cataldo ha proiettato un video realizzato con la collaborazione di diverse scuole (Liceo Scientifico “A. Volta” di Caltanissetta, Liceo Classico “Ruggero Settimo” di Caltanissetta, Liceo Artistico Regionale “Rosario Assunto” di Caltanissetta, Scuola Secondaria di I grado “G. Carducci di San Cataldo) e l’intervento di Claudio Arcarese, Maria Concetta Naro e Vincenzo Giordano.

Commenta su Facebook