Giardino della legalità. Da domani abusivo

622

Giardino legalità San LucaL’attività dei disabili è continuata anche oggi a San Luca nell’appezzamento di terreno con il quale l’anno scorso l’Amministrazione Comunale imponeva agli uffici Comunale e più precisamente alle Direzioni III e IV di predisporre la delibera per la sottoscrizione dell’intesa con il Comitato di quartiere San Luca. E’ passato un anno ma nulla è successo. I ragazzi disabili, insieme ai volontari appartenenti all’Associazione ANGLAT il cui presidente è Giuseppe Palermo hanno continuato a lavorare, creando un orto urbano che il Mercoledì curano con dedizione e rispetto, riconoscenti e grati dell’opportunità offerta di capire il ciclo della vita, perchè è questo l’obiettivo dell'” ortoterapia”. Mentre la società civile tutta si mobilita, nello “slargo” di San Luca  dove  è stato creato il ” giardino della legalita'” , dove è stata impiantata la pista di mountain-bike e la pista di macchinine radiocomandate: tutto grazie all’attivismo del Comitato di quartiere, l’Amm.ne Comunale non è ancora riuscita a predisporre l’atto di stipula dell’accordo. Tutto a costo zero per l’Amm.ne Comunale….Come si fa a spiegare tutto questo ai giovani del quartiere, agli scout, alle associazioni, ai movimenti, parttiti, perchè tutti da volontari hanno fatto qualcosa a San Luca …..ciò che fa  più male è come si potrà spiegare ai ragazzi disabili che domani tutto sarà abusivo.Vorremmo capire se l’Amm.ne ha un progetto, se lo realizzerà e quando. Ci sentiamo senza interlocutore. Non è così difficile mettere una firma e dare conto a chi si impegna per il proprio quartiere, per la propria città. Per rispettare, e dare voce a chi non ha voce a chi con entusiasmo crede in un mondo che può e deve cambiare.

Carlo Campione- pres. comitato san Luca

Commenta su Facebook