Giallo dopo il suicidio di un 26enne nisseno a Realmonte. Si indaga per accertare la dinamica

450

Colpo di scena nelle indagini sulla morte del nisseno Mirko Antonio La Mendola, il ragazzo di 26 anni che in base a una prima ricostruzione si sarebbe tolto la vita con un colpo di pistola nella spiaggia di Punta Grande a Realmonte, il 25 agosto. La Procura di Palermo ha iscritto nel registro degli indagati un minorenne che si trovava in compagnia della vittima durante il tragico evento. Il reato ipotizzato è ‘omicidio del consenziente’, una particolare fattispecie di omicidio che implica il consenso da parte della persona uccisa. Gli inquirenti, alla luce delle indagini dei carabinieri di Porto Empedocle e Caltanissetta, vogliono fare chiarezza su quanto avvenuto. Alla base del tragico gesto ci sarebbe stato il mancato superamento del concorso in polizia.

Commenta su Facebook