"Gessi tra i passi", l'antica arte dei madonnari. I premiati al concorso del "Manzoni-Juvara"

1582

Si è svolta giovedì 27 marzo, presso l’Auditorium del Liceo Artistico Filippo Juvara di San Cataldo, la premiazione del concorso “Gessi tra i Passi”. Si tratta di un progetto che risale al maggio dello  scorso anno – ci dice la preside Giuseppina Mannino – e realizzato in occasione della festa del Patrono di San Cataldo”.

In quell’occasione, infatti, i ragazzi del Liceo artistico Juvara ma anche di altre scuole del circondario e di altre provincie nonché alcuni studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Catania, hanno dato prova della loro abilità  in questa antica arte dei Madonnari, che consiste nel disegnare delle immagini con gessetti colorati, sulla strada o sui marciapiedi.

È stata la preside prof.ssa Giuseppina Mannino, oggi preside anche dell’Istituto Manzoni di Caltanissetta, ad aprire i lavori con un’introduzione piena di soddisfazione per quello che il Liceo Artistico Juvara è riuscito a fare e per la notorietà che gli studenti dello stesso hanno saputo guadagnarsi con i disegni da “Madonnari”, che sono delle vere opere d’arte. La proiezione di un filmato di notevole fattura ha mostrato sia gli artisti durante il concorso, sia le pregevoli opere realizzate. Compito della prof.ssa Manuela Giglia ideatrice del concorso e del  prof. Luigi Di Salvo, la presentazione della 2ª edizione che si svolgerà nel prossimo mese di maggio.

Ascolta l’intervista alla professoressa Manuela Giglia

Con un lieve cambiamento di programma, prima di procedere alla premiazione dei 15 artisti più meritevoli, il mimo Lino Pantano ed il violinista Simone Bannò, presentati dalla studentessa Alessia Coppolino che ne ha tracciato un breve profilo, si sono esibiti il primo con una applauditissima imitazione del famoso trombettista Chet Baker, il secondo suonando alcuni indimenticabili brani che hanno strappato l’unanime consenso dei presenti. Giunto il momento della premiazione, i ragazzi interessati, alcuni dei quali giovanissimi, si sono avvicendati sulla pedana per ricevere l’ambito premio che oltre a costituire un riconoscimento per il lavoro svolto, è certamente uno stimolo ad andare avanti ed a  contribuire, in tal modo, a rinverdire un’arte che parla delle tradizioni e degli usi che, purtroppo, hanno la tendenza a scomparire. Tra gli ospiti presenti, anche l’ex preside dell’Istituto Pietro Scalia e l’ex sindaco di San Cataldo Francesco Raimondi.

Ascolta l’intervista alla preside Giuseppina Mannino

Un bel pomeriggio di buon umore, cultura e partecipazione da parte di tutti per un evento in grado di arricchire lo spirito e di far rivivere emozioni che ci riportano piacevolmente indietro negli anni.

28 marzo 2014

Commenta su Facebook