A Gela tenta due rapine a mano armata nel giro di pochi minuti: arrestato dai carabinieri

698

I carabinieri del NORM del Reparto Territoriale di Gela, dopo un movmentato intervento per il centro cittadino ieri sera hanno tatto in arresto un rapinatore, D.A. di 26 anni, già noto alle FF.di PP., con ogni probabilità improvvisato e per questo ancora più pericolo e imprevedibile; che ha cercato di compiere ben due rapine a mano armata presso due distinti esercizi. commerciali del centro.

Nel pieno pomeriggio di ieri il giovane, armato di coltello da cucina, è entrato in azione avvicinandosi ad un primo negozio intimando alla proprietaria di consegnargli i soldi al grido di “questa è una rapina”. La signora, che già nella serata precedente aveva subito un’altra rapina, si portava subito fuori dal negozio con la scusa di prendere i soldi in macchina e si dava alla fuga chiedendo aiuto.

Il rapinatore, si allontanava quindi dal primo esercizio, ma non soddisfatto, si recava dopo pochi minuti in un altro negozio dove trovava una giovanissima commessa da sola. La malcapitata veniva minacciata con il coltello e le venivano richiesti l’incasso. Qualcosa però non è andato secondo i piani: il sopraggiungere della madre ed altre persone nel locale richiamate dalle urla della giovane mettevano in cirsi il rapinatore che vistosi sopraffatto numericamente fuggiva a mani vuote.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, già sulle tracce del rapinatore dal giorno precedente, grazie ad immediato intervento a seguito di chiamata al 112 ed una serrata ricerca del soggetto nell’area segnalata (pressi via Generale Cascino e via Vittorio Emanuele direzione museo), intercettavano e bloccavano il ragazzo in fuga.

A seguito di perquisizione domiciliare e locale, ripercorrendo le vie di fuga utilizzate dal malvivente, è stato recuperato e posto sotto sequestro il coltello utilizzato per le rapine.

Momenti di concitazione si sono poi registrati nel corso della perquisizione quando il padre del giovane, resosi conto delle condotte del figlio, si è scagliato contro lo stesso e solo grazie all’intervento degli operanti si è evitato che la situazione degenerasse. L’uomo, colto da lieve malore, è stato subito soccorso ed è in buone condizioni.

D.A. gelese di 26 anni, è stato tratto in arresto e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria posto presso la locale Casa Circondariale in attesa di giudizio.

Ancora una volta si evidenzia come la sinergica azione tra cittadini, che hanno dato l’allarme ed il tempestivo intervento dei Carabinieri abbiano consentito di assicurare alla giustizia il reo e garantire la sicurezza collettiva.

Commenta su Facebook