Formazione professionale. Sospesa occupazione Sala Gialla. "Restiamo in agitazione". (ascolta)

676

Formazione Professionale lavoratoriGli operatori della formazione professionale degli enti storici Ecap, Irfap, Geoinformatica ed Enaip, hanno sospeso l’occupazione della Sala Gialla di Palazzo del Carmine che proseguiva a oltranza da circa una settimana per protestare contro i ritardi della Ragione Siciliana, assessorato Formazione e Istruzione, nel predisporre il bando integrativo dell’Avviso 20.

La recente giunta regionale ha deliberato l’atto di indirizzo per utilizzare i 420 milioni di euro in deroga al patto di stabilità, e tra gli interventi previsti c’è l’attivazione dei corsi di formazione e l’avviso 20, compreso il bando integrativo, che – ha rassicurato l’assessore Gallo – sarà espletato per Caltanissetta.

I lavoratori, come ci spiega Gabriella Falzone dell’Ecap, sono ben consapevoli che si tratta soltanto di un atto di indirizzo e adesso attendono che al provvedimento venga data esecutività. Nel frattempo rimangono vigili e in agitazione ma sospendono l’occupazione di Palazzo del Carmine.

ASCOLTA l’intervista a Gabriella Falzone – Ecap – uno degli occupanti di Palazzo del Carmine

Come è noto, numerosi enti nisseni si sono visti esclusi dall’Avviso 20, il bando con cui è stato praticamente finanziato il settore formazione in Sicilia e per tal via si sono perse 24 mila ore di corsi e i relativi posti di lavoro. Se a livello regionale tutto il comparto è in crisi e circa 10 mila lavoratori hanno manifestato a Palermo perchè non percepiscono lo stipendio da 10 mesi (l’assessore Gallo0, infatti, non ha avviato neanche i corsi dell’avviso 20), questi operatori nisseni soffrono una doppia beffa.

Già non percepivano gli stipendi da circa un anno per i ritardi nei pagamenti dei vecchi corsi e adesso sono anche tagliati fuori dal mondo del lavoro.

L’occupazione della Sala Gialla era servita a sollecitare le istituzioni per intervenire presso la Regione, così come ha fatto il Vescovo Mario Russotto.

Commenta su Facebook