Formazione. L'Assessore Scilabra incontra Cisl e lavoratori. Tensione alle stelle

618

Protesta Formazione

“La Regione ci ha fatto sapere di essere impegnata sulla vertenza della Formazione Professionale anche per trovare soluzioni immediate per il pagamento degli stipendi arretrati, ci auguriamo giungano presto, ma vogliamo fatti non più solo parole”. Ad affermarlo alla fine della lunga giornata di protesta dei mille lavoratori della Formazione scesi in strada a piazza Indipendenza e alla fine dell’incontro con la Regione, è Giovanni Migliore Responsabile Formazione Cisl Scuola. All’incontro era presente Migliore, Giorgio Tessitore Segretario regoniale Cisl Sicilia, con una delegazione di lavoratori che hanno presidiato tutto il giorno la piazza, il capo della Segreteria particolare del Presidente della Regione, l’assessore regionale alla Formazione Scilabra e il dirigente del Dipartimento Formazione . “Abbiamo ribadito – spiega Migliore – che la priorità sono lo sblocco degli stipendi arretrati e il pagamento della cassa integrazione, la Regione ha fatto sapere di avere allo studio una ipotesi di soluzione che consenta di pagare direttamente i lavoratori senza passare dagli enti. Mentre si verifica questa possibilità, che, sappiamo, in passato la Corte dei Conti ha negato, abbiamo chiesto che vengano avviate tutte le procedure per garantire entro dicembre il pagamento del 50% delle somme attese dagli enti in modo da non perdere i fondi europei, e garentire i lavoratori”. “Sulla cassa integrazione, “la Regione si è impegnata ad attivare i tavoli entro la fine dell’anno”.  “Ribadiamo , moralizzare il settore, eliminare il malaffare – conclude Migliore – non vuole dire fare macelleria sociale”. Giorgio Tessitore conclude “continueremo a vigilare con ulteriori iniziative di protesta e di lotta, qualora il percorso promesso oggi dalla Regione su cassa integrazione e stipendi, non sarà realizzato in tempi brevi”.

Commenta su Facebook