Festa dell’Arma, il Colonnello Petitto: “Nessun risultato duraturo senza fiducia della popolazione e prevenzione”

1838

L’Arma dei Carabinieri ha celebrato nella caserma “G. Guccione” il 203° anniversario della sua fondazione. Una cerimonia alla presenza delle autorità civili, militari, delle forze dell’ordine e della magistratura presso la sede del comando provinciale dei Carabinieri.

SONY DSC
SONY DSC
“Nell’anno trascorso dalla manifestazione del 2016, l’Arma di Caltanissetta ha proseguito nell’opera di prossimità sul territorio e alla cittadinanza, sviluppando complessivamente oltre 24.000 servizi di pattuglia nei 23 comuni della provincia e mantenendo costante il numero di arresti in flagranza e denunce in stato di libertà, il tutto in un contesto di calo della delittuosità complessiva”, ha spiegato durante la propria relazione il comandante provinciale, Colonnello Gerardo Petitto.

Che ha avvertito: “Nessun risultato può considerarsi duraturo se non si creeranno permanenti condizioni di base per un’efficace opera di contrasto: tra queste il mantenimento dei volumi organici, il rapporto di fiducia con la popolazione e in ultimo la capacità di comprendere le tendenze socio-criminali”.

Sul fronte del volume degli organici, dopo un quindicennio di progressiva riduzione del numero di uomini in servizio ai reparti a causa del blocco del turnover per circa 10 anni e di turn over negativo per i successivi 5, il ripristino dapprima del turn over pieno e la ripresa degli arruolamenti già a partire dallo scorso anno, “stanno consentendo un progressivo ripianamento delle carenze di cui tutte le Forze di polizia e l’Arma in particolare risentivano, specie in una provincia in cui è meno frequente la mobilità volontaria, limitata al personale che è originario di questa terra”.

Ciò “sta consentendo anche un graduale abbassamento dell’età media, che invero è ancora elevata. Se questa tendenza sarà confermata c’è da aspettarsi un ulteriore incremento dell’attività di contrasto, frutto della maggiore disponibilità di risorse sul territorio”.

SONY DSC

“Il secondo aspetto su cui intendo soffermarmi – ha detto ancora Petitto – è quello della ricerca continua di un rapporto positivo con la cittadinanza, laddove con questo aggettivo non alludo ad acquiescenza o adattamento remissivo, quanto piuttosto a quella “rassicurazione sociale” ingenerata da presenza costante, disponibilità all’ascolto, discrezione e sensibilità umana ma anche obiettività, imparzialità e rispetto delle regole che costituiscono i pilastri di un’Istituzione credibile e patrimonio di tutti”.

“È questo che i Carabinieri delle Stazioni, Tenenza e Compagnie nissene si sforzano di essere, di questo ho parlato anche nella mia allocuzione dello scorso anno e su questi aspetti tutti noi cerchiamo di essere attenti e vigili con lo scrupolo di non esserlo mai abbastanza”.

Da ultimo un cenno alle linee di contrasto intraprese, sulla scorta delle emergenze investigative e della raccolta delle denunce di reato, segnali delle sofferenze criminali che registra il territorio.

“Anche quest’anno un fenomeno pervasivo e ancora non risolto è quello dei furti di rame delle condotte aeree elettriche, che incide pesantemente sull’economia e pone in condizioni di forte disagio le popolazioni locali. L’Arma di concerto con la l’Autorità Giudiziaria stanno profondendo un grande sforzo per arginare e contrastare il fenomeno.

In forte crescita sono i sequestri di piante di cannabis indica, a testimonianza del fatto che la Sicilia, con le sue vaste aree di terreni seminativi, è divenuta terra di elezione per la pratica delle coltivazioni di droghe, la cui offerta sul mercato era diminuita a causa della pressione delle forze di polizia in Calabria, tradizionale area di produzione della marijuana”.

Incisiva è anche l’azione di contrasto per impedire che soggetti stranieri si consolidino nel mercato dello spaccio, e in tale direzione “noi Carabinieri, ma non solo noi, presidiamo costantemente le aree di incontro e sosta di cittadini extracomunitari, specie in questo centro, operando numerosi arresti e sequestri”.

“Sul consumo di droga infine, di cui ultimamente si parla poco quasi ci fosse un’assuefazione sociale al fenomeno, intendo invece sottolineare l’impegno e lo sforzo profuso per contrastarne il dilagare, atteso che è evenienza costante che all’acquisto, spaccio e consumo di droghe sono associati delitti “satellite”, che destano poi risonanza e preoccupazione sociale, senza lasciarne intravedere le cause. Furti, rapine in abitazione, ferimenti e risse hanno troppo spesso, come comune denominatore, l’essere determinati dall’esaltazione derivante dal consumo di droga, ovvero rappresentano, spesso, la provvista economica per procacciarsela. Senza sottacere come tale fenomeno sia pressoché una costante abbinata ai reati commessi da minori: in questo senso e rovesciando la prospettiva, non ho remore a descrivere il drogarsi come un vero e proprio furto di futuro ai danni delle nuove generazioni”.

Sul fronte del contrasto alla criminalità organizzata, senza necessità di proclami, in un tempo in cui si afferma l’inabissamento della mafia, divenuta liquida e perciò stesso poco appariscente e sfuggente, “l’Arma – ha spiegato il colonnello – ha la guardia tutt’altro che abbassata, per quanto anch’essa poco vistosa, conducendo un’azione sinergica con tutte le agenzie istituzionali coinvolte, in primis con l’Autorità Giudiziaria sul fronte investigativo, ma anche sul fronte preventivo e special preventivo con le altre forze di polizia, nei vari tavoli e gruppi di lavoro coordinati, stimolati e sempre ascoltati da una Prefettura vigile e sensibile”.

“Anche la minaccia eversiva e di matrice confessionale è attentamente vagliata, non sottovalutando il benché minimo elemento, secondo un modello di reale coordinamento tra Forze di Polizia, che sul fronte informativo e preventivo ha dato positivi frutti, proprio da ultimo, in concomitanza con gli eventi e le manifestazioni svoltesi alcuni giorni fa nell’area orientale dell’Isola”.

L’ultimo capitolo della relazione è dedicato all’azione preventiva, “il cui cardine è dato dalla presenza di uomini e pattuglie sul territorio”, ha spiegato Petitto.

“I risultati di questa azione sfuggono alle statistiche e talvolta all’apprezzamento della gente e dei media, eppure è soprattutto grazie ad essa e alla tranquillità sociale che ne deriva che una comunità può aspirare e impegnarsi per progredire. Questo è il senso della continua ricerca tesa a massimizzare i servizi di prevenzione sul territorio, poiché ciò fornisce una superficie di contatto dinamica ed estesa, anche grazie al lodevole contributo dei colleghi della Compagnia di Intervento Operativo del 12° Battaglione Sicilia, impegnati nel piano d’azione Trinacria”.

Dallo scorso mese di maggio, opera in Sicilia uno Squadrone di Carabinieri Cacciatori, personale appositamente addestrato per operare in zone aspre e isolate, che hanno dato ampia prova di efficacia nelle zone impervie della Sardegna e della Calabria: essi costituiranno un valore aggiunto nel controllo dei territori più difficili, anche in questa provincia.

Un caloroso riconoscimento, il comandante provinciale ha voluto esprimere ai Carabinieri in congedo, “per la dedizione dimostrata e l’impegno profuso a servizio delle popolazioni locali e delle Istituzioni, complimentandomi da ultimo per la stipula di protocolli di collaborazione – a base esclusivamente volontaria e del tutto gratuita – con uffici giudiziari del Distretto, che stanno consentendo di alleggerire il carico burocratico delle cancellerie interessate”.

“E’ con l’esempio concreto che realizzeremo la missione più impegnativa e appagante, quella di non disperdere questo prezioso patrimonio di credibilità, ammirazione e affetto da parte degli italiani e dei siciliani”.

di seguito i riconoscimenti assegnati e le relative motivazioni

M.A. ROSARIO VALENTI, MAR. CA. ANGELO BRULICHIO, MAR. CA. CLAUDIO GABROVIC, BRIG. CA. VINCENZO GRECO, APP. SC. SALVATORE VINCIGUERRA ENCOMIo DEL COMANDANTE DELLA LEGIONE SICILIA CON LA SEGUENTE MOTIVAZIONE:

“EVIDENZIANDO QUALIFICATA PROFESSIONALITA’ E PERSEVERANTE IMPEGNO, FORNIVANO DETERMINANTE CONTRIBUTO A PROLUNGATA ATTIVITA’ D’INDAGINE CHE CONSENTIVA DI DISARTICOLARE UN’ASSOCIAZIONE DEDITA AL TRAFFICO DI SOSTANZE STUPEFACENTI. L’OPERAZIONE CONSENTIVA L’ARRESTO DI 7 PERSONE E CON IL SEQUESTRO DI UN’INGENTE QUANTITA’ DI DROGA”.

Gela, territorio nazionale ed estero, marzo 2011 – gennaio 2015.

M.C. SALVATORE GIOIA, ENCOMIo DEL COMANDANTE DELLA LEGIONE SICILIA CON LA SEGUENTE MOTIVAZIONE:

“CON ELEVATA PROFESSIONALITA’ E PERSEVERANTE IMPEGNO FORNIVA VALIDA COLLABORAZIONE IN COMPLESSA ATTIVITA’ INVESTIGATIVA – SVILUPPATA IN ITALIA ED ALL’ESTERO FINALIZZATA AD INDIVIDUARE IL PATRIMONIO OCCULTO, ACCUMULATO NEL CORSO DI QUASI UN TRENTENNIO, DA STORICO ESPONENTE DEL VERTICE POLITICO-MAFIOSO DI COSA NOSTRA PALERMITANA, DECEDUTO NEL 2002. L’OPERAZIONE SI CONCLUDEVA CON L’ARRESTO E LA CONDANNA DI 4 PERSONE, GIUDICATE REPSPONSABILI INTESTAZIONE FITTIZIA DI BENI, RICICLAGGIO E CON IL SEQUESTRO DI CONTI CORRENTI BANCARI, SOCIETA’, IMMOBILI E MOBILI REGISTRATI PER UN AMMONTARE COMPLESSIVO DI OLTRE 60 MILIONI DI EURO”.

Palermo, Roma, Olanda, Portogallo, Romania, Spagna, Stati Uniti, Svizzera,

Febbraio 2005 – 24 Settembre 2006.

CAP. MAURO EPIFANI, due ENCOMI DEL COMANDANTE DELLA LEGIONE MArCHE CON LE SEGUENTI MOTIVAZIONI:

“EVIDENZIANDO ELEVATA PROFESSIONALITA’, NON COMUNE SENSO DEL DOVERE E SPICCATO ACUME INVESTIGATIVO, DIRIGEVA E COORDINAVA, PARTECIPANDOVI PERSONALMENTE AD ATTIVITA’ D’INDAGINE CHE CONSENTIVA DI SOTTOPORRE A FERMO DI INDIZIATO DI DELITTO L’AUTORE DI UN EFFERRATO OMICIDIO”.

Chiaravalle (AN), 27 dicembre 2014 – 9 gennaio 2015.

“EVIDENZIANDO ELEVATA PROFESSIONALITA’, NON COMUNE SENSO DEL DOVERE, SPICCATA PROFESSIONALITA’, DIRIGEVA, PARTECIPANDOVI PERSONALMENTE AD ATTIVITA’ D’INDAGINE CHE CONSENTIVA DI TRARRE IN ARRESTO IN FLAGRANZA 3 PREGIUDICATI IN PROCINTO DI COMPIERE UNA RAPINA IN DANNO DI UN ESERCIZIO COMMERCIALE”.

Ancona, 4 aprile 2015.

CAR. SC. LUCIANO RIZZIO, ENCOMIo DEL COMANDANTE DELLA LEGIONE EMILIA ROMAGNA CON LA SEGUENTE MOTIVAZIONE:

“DANDO PROVA DI ELEVATA PROFESSIONALITA’, SPIRITO DI SACRIFICIO E NON COMUNI DOTI INVESTIGATIVE , FORNIVA DETERMINANTE CONTRIBUTO A COMPLESSA ATTIVITA’ D’INDAGINE CHE CONSENTIVA DI DISARTICOLARE UN SODALIZIO CRIMINALE DEDITO ALLA COMMISSIONE DI FURTI IN ABITAZIONI E IN ESERCIZI PUBBLICI. L’OPERAZIONE CONSENTIVA L’ARRESTO DI 14 PERSONE, LA DENUNCIA IN STATO DI LIBERTA’ DI ALTRE 12 ED IL RECUPERO DI INGENTE REFURTIVA”.

Province di Parma, Ferrara, Reggio Emilia, Milano, Mantova, Modena e Crotone,

luglio 2009 – dicembre 2014.

LUOGOTENENTE SALVATORE MANUELLO, GIA’ COMANDANTE DELLA TENENZA CARABINIERI DI SAN CATALDO, LA Croce di bronzo al merito dell’arma dei carabinieri.

 

Commenta su Facebook