“Faremo bene”, la Nissa Rugby si allena per la seconda fase regionale della serie C

198

Fervono i preparativi in casa Nissa Rugby per la seconda fase regionale del campionato di serie C. Nove squadre, gare di sola andata e prime quattro della graduatoria che staccano il biglietto per la serie superiore. Un impegno agonistico e logistico non indifferente per il quindici nisseno che lavora e si allena alacremente per conseguire risultati di prestigio. L’esordio è previsto in trasferta domenica 10 febbraio: ostico impegno a Siracusa contro il Syrako.

L’allenatore Andrea Lo Celso, oltre a tracciare un breve bilancio sulla prima parte della stagione, indica la rotta da seguire per ben figurare nel prosieguo del percorso agonistico: “Siamo pronti per questa seconda fase, ci confronteremo con squadre diverse rispetto a quelle che abbiamo affrontato fino ad adesso: vogliamo dare continuità al lavoro che stiamo svolgendo. Sono soddisfatto dei miei ragazzi, abbiamo tanto da lavorare ma ogni domenica cresciamo e per fare il salto di qualità e categoria, dobbiamo incontrare team più forti. Nella prima parte di stagione, alcune sconfitte sono maturate per episodi frutto di inesperienza. Molti dei ragazzi giocano da un paio d’anni, tanti sono i locali: abbiamo una mediana tutta nuova. Abbiamo creato un mediano d’apertura, Giuseppe Giunta, che assolve al difficile compito di far ruotare e girare la squadra in campo: lo fa con responsabilità, commettendo i suoi errori, ma crescendo con costanza.

Sono convinto che faremo bene in questo girone unico regionale da nove squadre. La formula prevede match di sola andata, per cui avremo una responsabilità maggiore: ogni partita sarà una finale. Le prime quattro della classifica potranno accedere alla serie superiore, la C1. Sarà una competizione difficile, ma io credo tanto nei miei ragazzi. E’ un banco di prova per società solide, che hanno costruito e che alla lunga sono riuscite a preservare solidità e affidabilità. Abbiamo le caratteristiche per concludere al meglio questo campionato”.

 

Commenta su Facebook