Fango e frane sulle strade del Vallone, paesi isolati. L’Ance “nessun mezzo della protezione civile”

1021

Una parte della viabilità del Vallone, 22 chilometri di strade, è impraticabile e migliaia di persone dell’hinterland, da Mussomeli a Serradifalco, sono praticamente isolate.

La denuncia arriva dall’Ance, l’associazione dei costruttori edili che con il presidente della sezione nissena, Michelangelo Geraci, sollecita un intervento sostitutivo del Prefetto.

IMG_1634“La strada Mussomeli-Serradifalco è impraticabile – scrive in una nota l’Ance – perché sommersa da montagne di fango trasportate dai temporali di stanotte; solo chi possiede un fuoristrada o un mezzo pesante adeguato può percorrerla lentamente, in un tempo lunghissimo e mettendo a rischio la propria incolumità. Isolati, di fatto, gli abitanti dei territori di Mussomeli, Sutera, Campofranco e Serradifalco fino a Caltanissetta. Sono rimasti a casa studenti, insegnanti, lavoratori, medici, circolano con notevole difficoltà i mezzi di pronto soccorso sanitario e quelli delle forniture dei generi di prima necessità”.

“La cosa più grave è che lungo l’intero tracciato si incontrano solo due cantonieri. Nessun mezzo della Protezione civile o dell’ex Provincia è all’opera per liberare la strada dal fango”. “Probabilmente – dichiara Geraci – è questa la prima grave conseguenza che subiamo del caos amministrativo e finanziario causato dalle scelte di questo governo regionale, che in pochissimo tempo ha smantellato il sistema delle Province senza creare un’alternativa capace di gestire il governo del territorio, e che ha irresponsabilmente lasciato senza fondi ogni struttura di pronto intervento preferendo garantire stipendi improduttivi a precari e forestali”.

“Chiediamo al prefetto – conclude Geraci – di sostituirsi a tutte le amministrazioni inadempienti per liberare queste popolazioni dall’isolamento e ripristinare le condizioni di sicurezza. E invitiamo il governo regionale a trovare i fondi per ripristinare l’intera viabilità non solo del ‘vallone’, ma anche di tutte le aree interne della nostra Regione. L’impraticabilità dei collegamenti stradali danneggia i siciliani che vogliono lavorare onestamente e impoverisce ulteriormente l’economia più degradata dell’intera Europa”.

Il presidente dell’Ance è intervenuto sul posto per rispondere alle richieste di intervento di aziende associate rimaste con i cantieri chiusi.

Commenta su Facebook