Ex petrolchimico di Gela, il lavoro è antimafia. La lettera che domani sindacati e associazioni consegneranno a Rosy Bindi

In occasione della giornata di domani in cui alle ore 11:00 a Gela sarà inaugurata la nuova sede dell’Associazione Antiracket FAI di Gela, alla presenza di Rosy Bindi, presidente della commissione antimafia, i sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil con un cartello di associazioni di categoria e comitati, consegneranno una lettera alla Bindi in cui sottolineano “il rischio spopolamento di una comunità” che ha già visto guerre di mafia, sequestri e confische.

Gallo Giudice MudaroAlla Presidente della Commissione Antimafia Bindi, CGIL, CISL e UIL congiuntamente a Confcommercio, Confesercenti, Casartigiani, Confartigianato, CNA ed il Consorzio “Gela C’Entro” denunciano “l’assenza dello Stato nella città di Gela, lo stesso Stato che ha sedotto la popolazione per poi abbandonarla”.
“Cogliamo l’opportunità della Sua visita a Gela per consegnarLe l’indignazione di un popolo ridotto alla povertà ed alla disperazione, tutto ciò per assenza di risposte politiche in merito al declino industriale, al declassamento di svariati servizi pubblichi, da quelli sanitari a quelli fiscali”, si legge nella lettera che sarà consegnata domattina all’onorevole Bindi e firmata da Emanuele Gallo, Ignazio Giudice, Maurizio Castania, Francesco Trainito, Rocco Pardo, Antonio Ruvio, Luigi Ruvio, Valentino Granvillano, Pasquale Gallina.

“Presidente – continuano sindacati e associazioni – così il rischio spopolamento della nostra comunità è già iniziato, un processo migratorio senza sosta e senza distinzione d’età. Le organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei commercianti avvertono la necessità di ricordarLe che Gela è stata scenario di guerra di mafia, di scioglimento del consiglio comunale per presunte infiltrazioni mafiose, nonchè di sequestri e confische”.
“Crediamo urgente, e quindi non rinviabile – conclude la nota – l’impegno del Premier Renzi rispetto alle problematiche note alle Istituzioni e note perchè non risolte”.
“Le consegnamo questa breve sintesi, in un momento di blocco della città. La sintesi sarà utile a Lei e, se Lei riterrà, al Governo Nazionale per dare delle risposte ad una città in ginocchio”.

Commenta su Facebook