Estate, la Gdf contro i furbetti del b&b: irregolari due strutture su tre

715

Affitti estivi nel mirino della Guardia di finanza. Anche quest’estate sotto la lente d’ingrandimento delle Fiamme Gialle sono finiti i proprietari di seconde e terze case per gli affitti nelle località di vacanza: dei 404 controlli complessivamente svolti tra giugno e agosto, due su tre sono risultati irregolari. 1.680 le violazioni rilevate.

In Sardegna, Puglia, Toscana, Emilia Romagna e Lazio i casi più numerosi. Con una nota, la Gdf ha tracciato un bilancio di due mesi di attività di controllo sulle località turistiche italiane. Sono stati complessivamente 27.121 i controlli condotti dalla GdF, da giugno a oggi, nelle località balneari, di montagna e nelle città d’arte. +22% interventi rispetto all’estate scorsa. Una media di 18 interventi l’ora, 400 al giorno. “E mentre il dispositivo viene nel tempo perfezionato e potenziato, invariato resta lo scopo: contrastare” si legge nella nota, “con sempre maggiore incisività, tutti i fenomeni illegali in grado di turbare il libero svolgimento delle imprese sane e garantire, contemporaneamente, il massimo livello di sicurezza economico-finanziaria ai cittadini che, dopo mesi di stressante e ininterrotto lavoro, hanno il diritto di godersi un periodo meritato di ferie.

Tra i settori operativi “rafforzati” vi sono quelli tipicamente estivi: la lotta all’abusivismo commerciale, all’evasione fiscale legata alle case-vacanze, alle truffe del carburante, al “caporalato” e alla contraffazione, ai prodotti non sicuri e ai traffici di droga, in parte destinata a rifornire i punti di spaccio delle località di villeggiatura”.

In meno di tre mesi sono stati scoperti quasi 6.500 lavoratori in nero, impiegati anche in eventi con migliaia di persone come il concerto di Ultimo allo stadio Olimpico di Roma. Cinquantasei le persone denunciate. Dei 6.483 lavoratori in nero scoperti il 42% erano stranieri mentre 24 erano minori. Tra coloro che non erano in regola anche una trentina di persone che hanno lavorato in occasione del concerto di Ultimo: i finanzieri hanno scoperto che 20 di loro erano impiegati irregolarmente mentre altri 10 non avevano il permesso di soggiorno in regola: sono stati pagati pagati 4 euro l’ora per smontare e pulire il palco.

(Italia Oggi, 13 agosto 2019)

Link all’articolo originale: https://www.italiaoggi.it/news/estate-la-gdf-contro-i-furbetti-del-b-b-irregolari-due-strutture-su-tre-201908130847464277

 

 

Commenta su Facebook