Eseguita l’autopsia sul corpo di Lucia Costa: morta per i gravi traumi riportati alla testa e al bacino

553

Sarebbe morta per un grave shock emorragico dovuto al trauma cranico e alla frattura del bacino riportati nell’incidente, Lucia Costa, l’82enne nissena investita in via De Cosmi mentre si recava alla veglia pasquale insieme a due amiche. E’ quanto sarebbe emerso dall’autopsia eseguita questa mattina all’ospedale Sant’Elia dal medico legale nominato dalla Procura Grazia Grieco. Per le conclusioni definitive bisognerà attendere 60 giorni. Questo infatti è il termine chiesto dal medico legale per produrre il referto e la relativa documentazione. Intanto proseguono le indagini da parte del Pm Nadia Caruso e dei carabinieri per capire cosa è successo quella terribile sera prima del giorno di Pasqua, quando una donna di 61 anni, G.A. le iniziali, (difesa dall’avvocato Oriana Limuti) a bordo della sua Fiat Panda, è finita sulle tre anziane ferendole in maniera grave. Lucia Costa è morta all’indomani del tragico incidente, mentre le altre due anziane, di 82 e 93 anni, sono ancora ricoverate in ospedale per via dei traumi riportati. I familiari di Lucia Costa sono assistiti dall’avvocato Massimiliano Bellini.

Commenta su Facebook