Emergenza Ucraina, il Gr.A.F. ha già accolto 20 persone in fuga dalla guerra

Gr.A.F. è l’acronimo per GRuppo di Accoglienza Familiare, una rete di famiglie che si sono impegnate per accogliere persone che fuggono dall’Ucraina a causa della guerra.

Ad oggi sono state ospitate circa 20 persone, accolte presso nuclei familiari del nisseno o strutture di Comuni delle Madonie.

È stata, da subito, un’esperienza di sussidiarietà e condivisione tra famiglie e solidarietà di tanti cittadini nisseni che si sono resi disponibili a sostenere l’organizzazione e la logistica con la raccolta di farmaci, alimenti e vestiario a supporto delle famiglie ospitanti.

Collaboriamo con organizzazioni che operano sul posto e raccogliamo le richieste di aiuto che arrivano direttamente sulle nostre pagine sui social dopo aver verificato la documentazione.

Vogliamo anche ringraziare la prefettura di Caltanissetta nella persona del Prefetto Chiara Armenio per l’attenzione mostrata, i volontari di Emergency di Milano e Catanzaro, Trenitalia, polizia ferroviaria di Roma, Napoli, Giardini Naxos, Catania, Caltanissetta, la Polizia di Stato e tutto il personale ed il dirigente dell’ufficio immigrazione della questura di Caltanissetta per l’importante supporto nell’accompagnare i rifugiati dai punti di ingresso in Italia fino a Caltanissetta. Un circolo di amore e solidarietà che bilancia la violenza e l’atrocità della guerra.

Un ringraziamento alle interpreti Angelica, Alina, Elena, Irna, Natalia e Olga che contattano, a volte anche chi è ancora in Ucraina, seguono e rassicurano, chi fugge dall’Ucraina e continuano a curare le relazioni con le persone che già vengono accolte dalle famiglie per superare il grande problema della comunicazione.

Il coordinamento GR.A.F: Giovanni Guarino, Fabio Lega, Silvana Fonte, Francesco Cottone, Roberta Bonaffini, Alessio Matraxia, Tiziana Pagnotta, Renato Gruttadauria, Giovanni Ruvolo, Adriana Grippaudo, Claudia Novembre, Erminio Boscaglia, Domenico Fiandaca, Totino Saia

Commenta su Facebook