Elezioni. Lumia: "Passare dal 'IO' al 'NOI' è la prima rivoluzione"

705

cittadini del PD

Guarda il VIDEO dell’intervento del Sen. Lumia

Il Senatore del Partito Democratico Beppe Lumia è stato questa mattina a Caltanissetta nell’ambito della campagna elettorale del candidato del PD nella circoscrizione nissena, Giuseppe Gallè. L’incontro, organizzato dal Circolo “Centro Storico” del PD si è tenuto nella sede di Piazza Calatafimi ed ha visto la partecipazione di numerosi aderenti al PD e di simpatizzanti e cittadini.

Dopo gli interventi di Maria Grazia Bonura e dello stesso Gallè, ha preso la parola Lumia che ha coniato uno slogan: “Caltanissetta, alzati e cammina”, un po di tempo fa utilizzato anche dal vescovo Mario Russotto.

Per Lumia sono due le difficilissime rivoluzioni che vanno fatte in Sicilia e che con Crocetta presidente potranno divenire battaglie da combattere per realizzarle. La prima rivoluzione è il passaggio  dal “io” al “noi” in politica. “Dopo la prima Repubblica che pure aveva degli elementi positivi, l’errore più grave è stato quello della politica del ‘io’, del “ghe pensi mi” – ha spiegato Lumia.

Lumia con Gallè, Bonura a sx Falzone“La prima rivoluzione è passare al “noi”, perchè l’IO è fragile, non ha bisogno di competenza e progettualità, ma di tifosi e sudditi. L’ IO in politica vuole solo la schiena piegata di fronte a se e alla fine, scava scava, come il Berslusconismo che nacque nel segno dell’antipolitica che lo lanciò,  diventa un’ io’ squallido e corrotto. La terza Repubblica vogliamo farla nascere sotto il segno di un altro “io”? Ecco perchè ci vuole il noi. Nelle democrazie avanzate vi sfido a torvare dei partiti personali. Quelli ridono di queste esperienze che se nascono falliscono dopo poco tempo, altro che 20 anni, perchè sanno che nel “noi” c’è l’energia di un popolo per tirarsi fuori dalle difficoltà”.

La seconda rivoluzione, per Lumia, sarà quella da combattere con Crocetta al governo e dentro il Parlamento siciliano per abbattere “la burocrazia regionale che fa da freno allo sviluppo”. Questa seconda rivoluzione, per Lumia, sarà molto più diffile della prima e sarà una battaglia rischiosissima per chi la condurrà, ma possibile.

Beppe Lumia PD centro

Commenta su Facebook