Elezioni a San Cataldo. Scarantino di nuovo in campo con "Il Sacco in movimento"

736

Giuseppe ScarantinoSan Cataldo (Riceviamo e pubblichiamo) – Il Sacco in  movimento, ascoltando l’insistente richiesta di parte importante della cittadinanza, ha deciso di riproporre per le prossime amministrative la candidatura a sindaco di Peppe Scarantino. Si tratta di una scelta coerente con l’impegno profuso prima e dopo le elezioni passate; quasi un atto dovuto nei confronti di quanti hanno creduto appassionatamente nel progetto di rinascita della nostra città e l’hanno premiato con uno straordinario consenso elettorale.

E’ anche una scelta naturale, perché rappresenta la continuazione di un serio e coinvolgente lavoro incentrato sui problemi reali di San Cataldo e non sulle ideologie. La validità del progetto, teso ad assicurare coesione e governabilità, è stata purtroppo confermata dalle turbolente vicende politiche che hanno costretto Franco Raimondi a rassegnare anzitempo le proprie dimissioni. Per queste ragioni non possiamo tirarci indietro, convinti anche che debba esserci un nostro specifico contributo per inaugurare una nuova stagione amministrativa a San Cataldo, centrata sulla collaborazione e sul rispetto tra le varie componenti politiche. E’ necessario chiudere per sempre la stagione delle contrapposizioni frontali per affrontare col dovuto rigore i problemi seri e difficili della nostra comunità. E’ necessario il contributo di tutti, superando steccati e rancori personali. Per fare rinascere il paese ci vuole un lavoro di squadra, il dialogo, il confronto e la partecipazione. Con la proposta di Peppe Scarantino, il Sacco lancia un appello ai movimenti civici e alle formazioni politiche per la costruzione di un’alleanza esclusivamente fondata sulla risoluzione dei gravissimi problemi che devono essere risolti.

Un’alleanza sul programma. E’ il momento dell’unità, non delle contrapposizioni. Per quanto ci riguarda, mettiamo a disposizione le nostre idee, la nostra passione, l’impegno espresso da un gruppo di persone che si è distinto per avere ben operato nella società. Vogliamo coinvolgere quanti sono convinti che è ancora possibile voltare pagina, soprattutto i giovani, ma anche quanti si sono finora spesi a vario titolo per l’amministrazione della cosa pubblica e perciò hanno accumulato un bagaglio di esperienza che non può e non deve andare disperso. Diciamo no ai personalismi e sì a un lavoro corale. Questa è la nostra visione. Abbiamo individuato alcuni punti programmatici sui quali vorremmo confrontarci con tutti: rinascita del centro storico, ripresa dell’edilizia, risanamento della spesa pubblica, raccolta differenziata, fondi europei, energie rinnovabili, emergenze sociali, cultura. In ragione di tutto ciò, a noi sembra di fare una buona cosa proponendo alla città la candidatura del dott. Scarantino, che ringraziamo di cuore per la generosa disponibilità. Sappiamo tutti che fare il sindaco oggi è un sacrificio, un atto di amore. Scarantino, per come lo si può conoscere, è la persona più adatta a interpretare il cambiamento e a inaugurare una nuova fase, non gridata, della politica sancataldese. Il suo  profilo umano è garanzia di dialogo, di onestà indiscutibile, di riconosciute competenze e di capacità decisionale: caratteristiche fondamentali per costruire il futuro.

Il Sacco in movimento 


Commenta su Facebook