Ecocardiografia della cardiopatie congenite. La Soddisfazione del dott. Scarnato per il primo corso.

2664

Emiliano Maresi Francesco De Luca Alessandro Frigiola Luigi ScarnatoCaltanissetta – Importanti risultati medico scientifici sono stati raggiunti a Caltanissetta in occasione della tre giorni su Ecocardiografia clinica delle cardiopatie congenite organizzata al Cefpas dalla ZeroTre di Michele Ferraro ed Ivo Turco e che ha visto la presenza di illustri cardiologi provenienti da tutta Italia. Il corso, la cui principale caratteristica è stata quella della interattività tra docenti e discenti, che divisi in squadre, in una sorta di reality, si sono confrontati su precisi casi clinici con diagnosi in tempo reale. Oltre all’illustrazione di organi cardiaci reali, sono stati istallati due ecografi in due sale distinte, in cui i medici hanno dibattuto sulle possibili patologie ed fattibili interventi su delle gestanti. Il corso è stato tenuto da cardiologi pediatri e rivolto ai cardiologi dell’adulto. L’obiettivo è stato quello di far scambiare esperienze ed opinioni tra competenze variegate, forse poco abituate al dialogo tra loro per gestire al meglio la storia naturale delle cardiopatie congenite nei piccoli pazienti destinati a crescere e diventare adulti.

Promotore del corso il cardiologo nisseno dott. Luigi Scarnato, che ha fortemente voluto a Caltanissetta la presenza di medici dallo spessore internazionale, quale il professore Alessandro Frigiola del policlinico milanese che ha raccontato attraverso un toccante video la propria esperienza internazionale insieme alla sua equipe in paesi alla periferia del mondo dove si incontrano casi clinici ed umani di quotidiana e difficile soluzione. Positive le impressioni sul corso. “Siamo soddisfattissimi del risultato – ha dichiarato il dott. Luigi Scarnato- sia da un punto di vista della partecipazione e della qualità, dato che il non elevato numero di discenti ha consentito una trattazione one to one, sia da un punto di vista pratico con nuove sperimentazioni su elettrocardiografia ed ecocardiografia tanto sul bambino che sull’adulto. La cosa più importante – conclude Scarnato- è forse il fatto che abbiamo arricchito il livello di empatia e di approccio con i giovani pazienti”. Altamente specializzati gli interventi del direttore UOC cardiologia pediatrica del policlinico di Catania professor Francesco De Luca che ha sottolineato di aver apprezzato l’altissima interattività coi colleghi, la parte pratica con esami su pazienti in tempo reale e di aver avuto la possibilità di illustrare ed apprendere le ultime novità dall’IPC, Integrated Professional Cleaning oltre ad alcune nuove tecniche del trattamento di neonati con cardiopatia congenita.

Impressione positiva infine per i circa 50 corsisti che hanno avuto modo di conoscere e visitare Caltanissetta durante la settimana santa, dato che gli organizzatori della tre giorni hanno distribuito ai partecipanti, oltre le classiche brochures del corso, anche depliants con foto ed informazioni sulla storia della settimana santa nissena. Al termine di ogni sessione sino alle 20 circa, i corsisti sono stati accompagnati in centro storico per assistere proprio ai riti sacri della Settimana Santa. L’impressione ricavata è stata molto positiva dato che decine di medici di altre città d’Italia hanno confermato di voler tornare con le proprie famiglie l’anno prossimo nel periodo pasquale.

Commenta su Facebook