Droga, un altro “ovulatore” arrestato a Caltanissetta. E’ il terzo in poco più di tre mesi

296

Proseguono i controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale volti al contrasto della criminalità e del traffico di stupefacenti. Nella mattinata del 3 giugno è stato arrestato in flagranza di reato dai militari del Nucleo Investigativo M.C. cittadino nigeriano 31enne residente a Campobello di Mazara (TP), con precedenti di polizia.

Il giovane, controllato in via Rochester a bordo di un pullman di linea proveniente da Palermo, dapprima ha provato a eludere il controllo e in seguito ha manifestato dolori all’addome. Condotto presso il pronto soccorso dell’Ospedale Sant’Elia l’uomo è stato sottoposto ad accertamenti radiologici venendo trovato in possesso di 115 grammi di sostanza stupefacente tipo cocaina, suddivisa in 10 ovuli, precedentemente ingeriti. La sostanza è stata sequestrata e l’uomo associato presso la casa circondariale di Caltanissetta a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Ieri mattina l’arresto è stato convalidato e il cittadino nigeriano posto in stato di custodia cautelare in carcere.

E’ il terzo arresto in poco più di tre mesi operato dai carabinieri nei confronti di corrieri che utilizzano questo metodo alquanto pericoloso per trasportare la droga ingerendo ovuli contenenti cocaina o eroina. A inizio maggio un nigeriano era stato fermato con 120 grammi di eroina nello stomaco mentre provava a entrare in città a bordo di un taxi durante il lockdown. A fine febbraio un altro cittadino nigeriano di 24 anni era stato fermato con 14 ovuli di cocaina del peso di circa 150 grammi. Si tratta di un metodo di trasporto spesso affidato alla manovalanza della criminalità. E’ sufficiente che un “ovulo” si rompa dentro lo stomaco per provocare un quasi certo decesso.

Commenta su Facebook