Droga. Tre arresti per spaccio in flagrante. Smantellata "casa-laboratorio" per vendita al minuto.

1802

Droga e soldi PepponeSmantellato un laboratorio artigianale per il taglio della droga destinata allo spaccio. Arrestati tre soggetti per detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio in concorso tra loro e porto abusivo di coltello.

Lunedì 8 aprile 2013 la Squadra Mobile, sezione reati contro il patrimonio e la Pubblica Amministrazione, ha tratto in arresto tre soggetti, due nisseni disoccupati  Giuseppe Notarrigo, inteso “peppone” di 24 anni e Luigi Tiranno di 28 anni, pregiudicato, ed un bracciante agricolo di Canicattì, in trasferta, Vincenzo Cipollina di 24 anni. Sono stati sorpresi in flagranza dei reati di detenzione, trasporto e spaccio di sostanza stupefacente in concorso. Inoltre Cipollina è adesso indagato anche per porto ingiustificato di coltello.

Luigi TirannoNel corso di servizi di controllo del territorio mirati al contrasto del traffico di  stupefacenti e per il dilagante fenomeno dei furti in abitazione, pattuglie civetta della Squadra Mobile sono intervenute in via Salvatore Averna alla zona industriale nel parcheggio del supermercato “Il Centesimo”, nel primo pomeriggio di lunedì, dove Notarrigo e Tiranno si trovavano a bordo dell’autovettura in sosta.  Una presenza giudicata sospetta visto che a quell’ora il supermercato era chiuso. Ne è nato un appostamento dei poliziotti,  in attesa di capire le reali intenzioni dei due uomini.  Poco dopo, è giunta nel piazzale un’altra autovettura con a bordo Vincenzo Cipollina e gli agenti hanno così assistito alla cessione di due panetti di hashish da parte di questi ai due nisseni.Vincenzo Cipollina Duecento grammi in tutto, pagati in contanti, seicento euro.

Movimenti fulminei che non sono sfuggiti agli agenti che hanno fatto scattare il blitz sui  tre uomini, sottoponendoli ad immediata perquisizione sul posto, a seguito della quale venivano rinvenuti e sequestrati la droga ed il denaro. Altri mille euro in totale, in banconote di piccolo taglio, venivano trovati in possesso di Cipollina e  sequestrati.

L’elevata quantità della sostanza stupefacente sequestrata a due disoccupati come Notarrigo e Tirano  ha confermato agli agenti  che il “fumo” era destinato allo spaccio al minuto.

Come del resto è emerso dalle perquisizioni nelle abitazioni degli arrestati sia a Caltanissetta che a Canicattì e nell’abitazione della nonna paterna di Giuseppe Notarrigo   nel quartiere Angeli, nella piena disponibilità di quest’ultimo e in cui veniva rinvenuto un piccolo laboratorio artigianale idoneo al confezionamento delle dosi di droga da spacciare al minuto. Nella casa-laboratorio oltre ad un’ulteriore dose di hashisc, venivano rinvenuti un bilancino di precisione, un rotolo di Giuseppe Notarrigopellicola di plastica trasparente, dei cutter con relative lame di ricambio, due flaconi di anestetico al vaglio degli investigatori, ed un piede di porco. Tutto sequestrato.

I tre arrestati, difesi dagli avvocati di fiducia Maria Francesca Assennato per i due nisseni e l’Avvocato Salvaggio Giovanni per il canicattinese, dopo gli adempimenti di rito, così come disposto dal Pubblico Ministero Maria Pia Ticino venivano associati presso la locale casa circondariale a disposizione dell’A.G.

“Il rinvenimento del piede di porco, per il quale sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi, conferma ancora una volta l’esistenza del triste connubio furti e droga che vede la commissione di furti di varia natura da parte di giovani soggetti dediti all’uso indiscriminato di droghe”, spiegano il capo della Mobile, giovanni Giudice e la dirigente dello Sco, Marzia Giustolisi.cutter e bilancino droga

Fonte Squadra Mobile Caltanissetta

Commenta su Facebook