Droga. Pedinamento e blitz della Mobile a Gela. Arrestati corrieri e acquirente.

1587

Hashisc - hashishLunedì, nel corso di un’operazione di Polizi, gli uomini del Gruppo 1 della Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile, a Gela hanno tratto in arresto i palermitani TRAINA Giovanni, nato a Palermo classe 65, NICOSIA Calogero, nato a Palermo classe 92, FORTUNATO Girolamo, nato a Palermo classe 93 e il gelese DI BARTOLO Maurizio nato a Gela il 31.05.1957, perché trovati in possesso di sostanza stupefacente del tipo “hashish “, destinato al mercato gelese.

In particolare, a seguito di mirato servizio di osservazione effettuato nei pressi della Via Cristoforo Colombo, gli agenti hanno visto una Mercedes classe A con tre persone a bordo da cui scendevano NICOSIA e TRAINA, il quale teneva in mano una busta di carta di colore chiaro.

I due soggetti si immettevano nella vicina Via Tonini ed entravano al civico n12, nell’abitazione del gelese DI BARTOLO Maurizio, noto pregiudicato con diversi precedenti specifici in materia di stupefacenti.

Da qui l’irruzione nell’abitazione e la perquisizione ai sensi dell’art. 103 comma 3° D.P.R. 309/90 nei confronti degli stessi notando, appartati in un angolo della seconda stanza, NICOSIA Calogero, TRAINA Giovanni e DI BARTOLO Maurizio, mentre stavano effettuando lo scambio tra denaro e stupefacente.

DI BARTOLO teneva tra le mani una busta di plastica di colore bianco con all’interno 5 panetti di hashish, del peso complessivo di circa 882 grammi, mentre su una sedia posta accanto ai tre soggetti palermitani veniva rinvenuta la busta di carta vuota che, prima di entrare in casa del DI BARTOLO, aveva in mano TRAINA Giovanni il quale nella tasca anteriore dei pantaloni deteneva la somma di Euro 500,00, in banconote di vario taglio, ripiegate in due.

Pertanto la sostanza stupefacente e la somma di denaro, ritenuta parte del provento della cessione dello stupefacente, venivano sequestrati.

La perquisizione è stata estesa anche sull’autovettura Mercedes targata classe A lasciata parcheggiata in questa via Cristoforo Colombo, a pochi metri dall’abitazione del DI BARTOLO, dove era rimasto in funzione di “palo” Girolamo Fortunato.

In considerazione del fatto che l’autovettura era stata utilizzata per il trasporto e per l’occultamento della sostanza stupefacente rinvenuta veniva sottoposta a sequestro.

Le perquisizioni, mediante l’ausilio di personale della Squadra Mobile di Palermo venivano estese a Palermo nelle abitazioni dei palermitani TRAINA Giovanni, NICOSIA Calogero e FORTUNATO Girolamo, che comunque davano esito negativo.

Gli arrestati sono stati associati presso la casa circondariale di Gela, a disposizione del P.M. Sost. Proc. dott.ssa Serafina Cannata’ della Procura della Repubblica di Gela.

Commenta su Facebook