Donne vittime di violenza. Lunedì la giornata internazionale con il progetto "Secondo me…"

610

Una serie di iniziative e appuntamenti per sensibilizzare gli studenti siciliani alla lotta e al contrasto della violenza.

Parte così il progetto “Secondo me…”, promosso dalla rete regionale dei Centri di Prevenzione, Ascolto e Lotta alla violenza ‘Lia Pipitone’. Un’iniziativa di sensibilizzazione rivolta agli studenti delle ultime classi della scuola superiore di I° grado, che andrà avanti fino al prossimo 8 marzo e coinvolgerà contemporaneamente sette istituti di Palermo, Caltanissetta, Siracusa, Ragusa, Erice (Tp), Monreale (Pa) e Caltagirone (Ct).

Il progetto, ideato dalla dottoressa Valeria Marrone, dell’Osservatorio per la legalità e per i diritti inviolati di Erice, istituisce anche il primo concorso regionale ‘Lia Pitone’.

Durante gli incontri verrà chiesto agli studenti di produrre degli elaborati scritti (temi, saggi o articoli di giornale) inerenti agli argomenti trattati. Per ogni istituto verrà poi selezionato un testo che parteciperà così alla finale regionale che si svolgerà l’8 marzo. Gli elaborati finalisti saranno valutati da un’apposita commissione e l’autore di quello che sarà giudicato vincitore riceverà in premio un pc portatile. Inoltre il testo sarà pubblicato su un quotidiano di informazione regionale.

A Caltanissetta il progetto “Secondo me…” sarà curato dall’associazione “Il giardino delle idee” e coinvolgerà gli studenti dell’Istituto Comprensivo Statale “Pietro Leone” di via Lombardo Radice 8. Durante il primo incontro, che si svolgerà lunedì 25 novembre in occasione della giornata internazionale contro la violenza di genere, interverranno: il sostituto commissario Davide Chiarenza, responsabile dell’Ufficio Minori della Questura di Caltanissetta, l’ispettore Nadia Lumia, responsabile dell’Ufficio Misure di Prevenzione Personale della Questura di Caltanissetta, e Alice Garofalo, psicologa responsabile del Centro di prevenzione, ascolto e lotta alla violenza “Lia Pipitone” di Caltanissetta.

Durante gli incontri successivi, che si terranno nei mesi di dicembre e gennaio, interverranno Krizia Curatolo (psicologa), Rita Chiarenza (assistente sociale), Claudia Butera (educatrice), Stefania Simone (operatrice Centro Antiviolenza), volontarie presso il Centro “Lia Pipitone” di Caltanissetta.

Commenta su Facebook