Documenti falsi per entrare in Italia, arrestati due tunisini al Cie. Dovevano scontare condanne

812

Dovevano saldare ancora i conti con la giustizia per condanne rimediate alcuni anni addietro. Arrestati dalla squadra mobile due cittadini tunisini all’interno del Cie di Caltanissetta.

MLAIKI Hichem, di anni 31, pluripregiudicato per reati concernenti lo spaccio di sostanze stupefacenti e KHEDHIR Samir, di anni 30, condannato per immigrazione clandestina, avevano fatto perdere le proprie tracce ritornando in Tunisia. Dopo alcuni anni i due hanno tentato di rientrare in Italia con documenti falsi, approdando a Lampedusa durante uno sbarco nei giorni scorsi.

Dai primi controlli effettuati presso gli archivi elettronici di Polizia e successiva comparazione delle impronte digitali, i due soggetti sono stati smascherati dagli agenti dell’antirapina della Squadra Mobile che, dopo aver accertato compiutamente la loro identità e rilevato le loro pendenze giudiziarie insolute, li ha arrestati.

MLAIKI Hichem, per reati di spaccio commessi nel nord Italia, nel 2013, deve espiare una pena detentiva di due anni e nove mesi, oltre alla multa di cinquemila euro, mentre KHEDHIR Samir, di anni 30, doveva scontare la pena di un anno per immigrazione clandestina.

Commenta su Facebook