Disordini dopo Belgio Italia: Daspo a un trentasettenne che aveva bloccato una pattuglia dei carabinieri

165

Il Questore Emanuele Ricifari ha sanzionato un trentasettenne nisseno con la misura di prevenzione del divieto di accesso dove si svolgono competizioni sportive, per il periodo di un anno. L’uomo, la sera del 2 luglio scorso, nel corso dei festeggiamenti post partita Italia Belgio, assieme ad altre persone al momento non ancora individuate, ponendosi al centro della carreggiata di viale della Regione, ha circondato e costretto un’autovettura dell’Arma dei Carabinieri, impegnata nei servizi di controllo del territorio, ad arrestare la marcia. “Gli scalmanati tifosi hanno pure danneggiato il mezzo di servizio, determinando un concreto pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica, rientrato grazie all’intervento di altre pattuglie delle forze dell’ordine sopraggiunte in ausilio dei militari, che sono riuscite a far disperdere la folla. L’uomo è stato individuato dai Carabinieri e denunciato all’Autorità giudiziaria”.

Il Questore, in caso di auspicata eventuale vittoria degli azzurri, che stasera giocheranno la semifinale contro la Spagna, invita i cittadini che volessero festeggiare in luoghi pubblici al termine dell’incontro a tenere un comportamento corretto e improntato al massimo buon senso e rispetto degli altri. Per arginare il rischio di diffusione della variante Delta del Covid-19, s’invita, inoltre, la cittadinanza a non fare assembramenti. Le forze dell’ordine per l’occasione intensificheranno i servizi di controllo del territorio su tutto il territorio della provincia.

Eventuali eccessi e violazioni alle norme del codice della strada o che mettano in pericolo l’incolumità fisica delle persone saranno sanzionati a norma di legge e con l’applicazione della misura di prevenzione del Daspo urbano.

Commenta su Facebook