“Diritto alla salute non negoziabile”. Il sindaco di Niscemi La Rosa in missione a Roma

569

Missione romana del sindaco Francesco La Rosa a difesa del diritto alla salute dei cittadini. L’iniziativa arriva dopo il decesso per infarto di un ambulante a Niscemi in attesa di un ambulanza proveniente da Gela, arrivata dopo 40 minuti.

La Rosa, che in passato ha occupato l’ospedale “Suor Cecilia Basarocco” di Niscemi per impedirne il depotenziamento, parteciperà venerdì 22 luglio a Roma alla prima alla prima riunione dei Comitati civici Italiani e dei sindaci a difesa della sanità pubblica. “Un bene non negoziabile il diritto alla salute”, afferma il sindaco che si dice “arrabbiato e fortemente amareggiato, perché quello che è accaduto a Niscemi non deve più accadere in nessun Comune”.

L’obiettivo dell’incontro romano è quello di costruire una grande rete italiana di cittadini e sindaci e di costituire un direttivo capace di coordinare una manifestazione nazionale a settembre. A Niscemi è accaduto “che il pronto soccorso dell’ospedale “Suor Cecilia Basarocco” è rimasto per quattro giorni senza ambulanza del 118 per un guasto, senza che sia stata sostituita da un altro veicolo”. Sempre a Niscemi, nei giorni scorsi, per la chiusura dell’Unità di ostetricia e ginecologia, è anche accaduto che una donna ha partorito in macchina mentre veniva accompagnata da un familiare all’ospedale di Gela.

Commenta su Facebook