Dirigenti comunali, stop soldi a pioggia. Il sindaco vuole la “pesatura” delle sette direzioni

945

Niente più soldi a pioggia, ovvero equamente distribuiti ai dirigenti del Comune di Caltanissetta. Questo, almeno, prevede l’iter avviato dal sindaco Giovanni Ruvolo che, prendendo atto della proposta di regolamento per la pesatura dei dirigenti avviata dall’ex assessore Andrea Milazzo, chiede agli uffici e all’assessore Massimiliano Centorbi di concludere l’iter di approvazione del regolamento.

Il contratto collettivo nazionale della dirigenza prevede infatti che una parte della retribuzione (a Caltanissetta in media un dirigente percepisce complessivamente 100 mila euro l’anno) sia determinata come retribuzione di posizione e quindi variabile in relazione alla complessità delle competenze e alla responsabilità delle decisioni da assumere.

Lo scopo della graduazione delle posizioni di responsabilità, si legge nella proposta, è quello di individuare il peso che esse assumono di per sé, indipendentemente dalle persone che oggi ricoprono l’incarico. Se, infatti, sono comuni a tutti i dirigenti le responsabilità sui risultati da raggiungere nel proprio settore, sono invece diverse le responsabilità dirigenziali, il livello strategico del comparto diretto, il livello di professionalità specifica richiesto. Il regolamento prevede una complessa griglia dove, attraverso indicatori, si ottiene una scala di valutazione da cui ne discende una tabella finale con il diverso “peso” percentuale delle sette direzioni del Comune di Caltanissetta.

Commenta su Facebook