Depuratori. Interrogazione di Dolce (PD) per chiedere chiarimenti al sindaco

857

Interrogazione  consigliere del Partito Democratico, Francesco Dolce in tema di depuratori di acque reflue a Caltanissetta, un’interrogazione consiliare per chiarire alcuni punti emersi dall’incontro tenutosi il 19 febbraio scorso tra il Sindaco Giovanni Ruvolo, l’Assessore Falci ed i vertici del gestore del servizio idrico integrato Caltacqua SPA.
“Innanzitutto sono state richieste alcune conferme relative allo status del depuratore di Contrada Cammarella, che serve le utenze del Comune capoluogo e di San Cataldo, per verificare se perfettamente funzionante e rispondente ai requisiti di legge”, spiega Dolce.
“Risulterebbe che il Dipartimento delle acque e dei rifiuti della regione Sicilia, con il decreto numero 1403, abbia vietato lo scarico delle acque reflue prodotte dal depuratore nel torrente Fungirello. Il decreto, adottato il 16 Settembre 2014 e successivamente pubblicato sulla GURS, era stato emesso in seguito alla mancata attuazione di prescrizioni già comunicate”.
“La società Caltaqua, in comunicati ufficiali, afferma  tuttavia di avere presentato ricorso al TAR di Palermo a riguardo, e pertanto si richiede l’esito della richiesta”.
“Un’ulteriore punto su cui il consigliere chiede ai vertici di Caltacqua di fare chiarezza è l’attività di funzionamento in atto dell’impianto, viste le dichiarazioni rilasciate dagli stessi nel seguente comunicato stampa: “pur con enormi sforzi di manutenzione, vista l’obsolescenza dell’impianto, si riesce a mantenerlo sufficientemente efficiente”.
“E’ palese che questa affermazione, di fatto, non chiarisce se ad oggi il depuratore tratti le acque reflue (700 mc3/h) per poi immetterle nel torrente Fungirello, o se addirittura le acque non vengano affatto trattate dai circuiti dell’impianto, ma vengano direttamente reimmesse senza un opportuno trattamento di depurazione. Per fornire risposte certe a questa delicata questione, che coinvolge la tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini, il consigliere Dolce chiede se siano state effettuate ulteriori analisi ed indagini, sia dalla stessa Caltacqua sia dall’ARPA”.
“Inoltre, considerato che Caltacqua ha dichiarato di aver inserito il depuratore di Santa Barbara nella programmazione degli investimenti da fare a breve, si chiede quale sia lo stato di avanzamento del suddetto progetto e se sia stato effettivamente finanziato”.
“Infine, per quanto riguarda il depuratore di contrada San Filippo Neri, si chiede di sapere se e quando e il suddetto impianto verrà messo in funzione”, conclude Francesco Dolce, Consigliere comunale PD

Commenta su Facebook