Delia, con l’illuminazione pubblica a led parte la rivoluzione green

49

La giunta municipale di Delia ha approvato in linea amministrativa il progetto esecutivo che prevede l’adeguamento normativo di parte degli impianti della pubblica illuminazione attraverso la sostituzione delle attuali lampade al sodio con lampade ad elevata efficienza basate su tecnologia LED.

Il progetto è finanziato con i fondi assegnati dal Decreto Capo Dipartimento Affari Interni e Territoriali del Ministero dell’Interno del 14 gennaio 2020, per un importo complessivo di € 50.000.

<<Si tratta di un obiettivo ambizioso di rinnovamento dell’illuminazione pubblica – ha detto il sindaco Gianfilippo Bancheri. Un progetto importante per assicurare efficienza e un notevole risparmio energetico aumentando al contempo il livello di sicurezza urbana. Oggi finalmente siamo in grado di realizzare questo importante intervento di riqualificazione degli impianti di illuminazione pubblica, che era già tra gli obiettivi prioritari del programma elettorale del mio secondo mandato>>.

La sostituzione delle vecchie lampade al sodio con quelle di nuova generazione a led offre molti vantaggi. Il più importante è la riduzione consistente dell’emissione di CO2 che inciderà parecchio sulla lotta al cambiamento climatico.

<<La tecnologia a led è l’illuminazione del futuro – ha aggiunto Bancheri – in grado di abbattere costi e consumi. La riqualificazione urbana con illuminazione a led, a Delia, avverrà gradualmente e fra qualche anno tutte le lampade tradizionali saranno sostituite con quelle di nuova tecnologia>>.

Le lampade a led consumano molto meno watt, migliorando la visibilità e garantiscono una maggiore sicurezza. Si rompono di meno perché sono più resistenti agli urti. La loro durata si stima che sia otto volte superiore rispetto a quelle tradizionali. Permettono una maggiore sostenibilità perché rispettano di più l’ambiente. Fanno risparmiare e sono più luminose.

Commenta su Facebook