Defibrillatore al Tomaselli, acquistati anche i nuovi materassi per il salto in alto

1063

Consegnato dalla Croce Rossa Italiana al Comune di Caltanissetta il defibrillatore semi automatico presso lo stadio Marco Tomaselli. Insieme al defibrilatore la Croce Rossa fornirà al Comune la formazione di cinque operatori per l’utilizzo dell’apparecchio salva vita. Il Comune di Caltanissetta da otto anni ha avviato il “Progetto cuore” per dotare, in collaborazione con la CRI, strutture sportive e luoghi pubblici di defibrillatore.

Con la Croce Rossa sono undici i defibrillatori piazzati in città. Due di questi, nel corso degli anni sono stati rubati e uno, quello del Tomaselli, adesso è stato rimpiazzato. “Rubarli è inutile – ha spiegato la Croce Rossa – hanno un numero seriale”. In otto anni il comune ha finanziato la formazione per cento operatori. Gli apparecchi si trovano allo stadio di Piano del lago, al PalaCannizzaro, PalaMilan, stadio Palmintelli, tribunale, scuola Santa Barbara, scuola Ferdinando I, scuola media Cordova e comando vigili urbani.

“Abbiamo ripristinato quello che qualche anno fa era stato trafugato, spiega Nicolò Piave, presidente della Croce Rossa Caltanissetta. “Insieme all’Amministrazione abbiamo messo un nuovo defibrillatore che consente alle società che utilizzano l’impianto di essere in regola con il decreto Balduzzi e quindi con la legge. Caltanissetta è una delle prime città cardioprotette”.

In ambito sportivo è fatto obbligo a tutte le società dotarsi di un defibrillatore sia nei luoghi dove si svolgono allenamenti che per le gare ufficiali.

“La lungimiranza che abbiamo avuto con le Amministrazioni comunali, quella attuale e le precedenti, è stata quella di cardioproteggere direttamente le strutture, non solo impianti sportivi. Ma anche il Tribunale e diverse scuole. Tutto questo deve rientrare in un coordinamento con la centrale 118 di Caltanissetta. Ricordiamo che con il progetto cuore abbiamo formato fino ad oggi oltre cento operatori”.

Presenti stamane allo stadio Tomaselli l’assessore allo sport, Carlo Campione, il vicesindaco con delega alla salute, Ivo Cigna e il presidente della quinta commissione consiliare Francesco Dolce. Proprio su segnalazione della commissione è stato acquistato il defibrillatore e i materassoni per il salto in alto ormai vetusti.

 

Commenta su Facebook