Decalogo di comportamento per i migranti, pioggia di reazioni alla proposta della Lega

E’ polemica a Caltanissetta dopo le dichiarazioni di due consiglieri della Lega, Oscar Aiello e Valeria Visconti, che in un’interpellanza sul degrado del centro storico sollecitano, tra l’altro, il sindaco “ad affiggere, a tappeto, sui muri delle vie, nei bar, davanti le scuole e gli ospedali, un’ordinanza-decalogo con le principali regole comportamentali, da far rispettare agli extracomunitari che sconoscono, a causa delle diversita’ culturali, il modo corretto e sano della vita cittadina, e che in quel modo sarebbero aiutati a rispettare la citta’ e i cittadini che li accolgono”.

I consiglieri del carroccio non specificano quali siano le “regole” da far rispettare, ma la loro richiesta viene immediatamente bollata come “vergognosa e razzista” dal sindaco Roberto Gambino del M5s. “Rispondero’ con i fatti all’interpellanza – spiega -, visto che i 20milioni di euro di rigenerazione urbana riguarderanno soprattutto il centro storico e contribuiranno alla sua rinascita. Per cio’ che concerne le dichiarazioni sui migranti le giudico vergognose, razziste, gravi e pericolose”. Dura anche la condanna dalla sezione nissena dell’Anpi: “Siamo profondamente indignati per queste affermazioni che rimandano a pagine oscure della storia del nostro Paese”.

E il segretario del circolo “Guido Faletra” del Pd, Carlo Vagginelli, annuncia: “appena ho letto queste parole sono corso in Comune per prendere la tessera dell’Anpi”. Anche la Cgil invita “a smascherare tutte le forme con cui questo “nuovo” razzismo continua a manifestarsi; non esiste giustificazione alcuna che possa limitare, negare e ghettizzare alcun cittadino a prescindere dalla nazionalita’ , dalla cultura e dalle origini”.

Per Italia Nostra, infine, si tratta di una proposta “indecorosa e provocatoria. Un “decalogo” ci vorrebbe per Salvini e i suoi adepti. Bel modo di integrare i cosiddetti “migranti” che, malgrado cio’ che possano pensare taluni, sono una risorsa importante per Caltanissetta”. E c’e’ infine chi sollecita un “decalogo” destinato non ai migranti ma ai cittadini nisseni che, spesso, sono stati sorpresi a non rispettare le norme soprattutto per quanto riguarda l’abbandono dei rifiuti nel centro storico o a posteggiare le auto in zone vietate, come la piazza principale della citta’. (ANSA).

Commenta su Facebook