Debito Ato, l’ex giunta Ruvolo a Gambino: “Non ha chiarito, restano punti da approfondire”

115

Nota stampa a firma dei componenti dell’ex giunta comunale: Giovanni Ruvolo, Grazia Riggi, Felice Dierna, Giuseppe Tumminelli, Pasquale Tornatore, Giovanni Guarino.

In una recente trasmissione domenicale di una radio locale, il Sindaco Roberto Gambino ha fatto delle dichiarazioni circa il riconoscimento del debito ATO che non hanno affatto chiarito la complessa vicenda ma che continuano a lasciare molti punti per cui si necessita di ulteriori approfondimenti. Non entriamo nel merito delle scelte politiche che hanno guidato le decisioni del Sindaco, della Giunta e di tutta la maggioranza caratterizzata dai colori politici del M5S, anche perché sono in antitesi rispetto alle nostre scelte che erano fortemente orientate a difendere gli interessi della Città rispetto alle richieste dell’ATO per una presunta situazione debitoria che fu valutata intorno ai 15 milioni di euro. Ovviamente non possiamo entrare nel merito delle motivazioni che ci hanno spinto a capire la reale situazione debitoria del Comune di Caltanissetta, perché tali motivazioni sono ben espresse nella Due Diligence redatta dal Prof. Stagno d’Alcontres, luminare in ambito nazionale ed internazionale del diritto societario, che ancora oggi ci risulta essere secretata, nonostante sia stata derubricata a semplice parere tecnico da parte del Sindaco e del suo assessore Camizzi. Per ulteriore chiarezza, però, ci preme chiarire alcuni aspetti che di seguito intendiamo sottolineare:

  1. Il Sindaco Gambino ribadisce che la Due Diligence è un semplice parere perché non analizza i bilanci dal 2013 al 2018, ammettendo che l’ATO si rifiutò di fornire alla nostra Amministrazione la documentazione richiesta mentre a Lui è stata prontamente fornita. Ci auguriamo che possa spiegare alla Città le motivazioni di tale differenza di trattamento. Ci sembra inoltre importante chiarire che il debito presunto dall’ ATO si riferisce a quanto riportato nel bilancio del 2012 approvato nel 2014, dove il Comune di Caltanissetta risulta creditore per euro 1.082.743,00 mentre in capo all’ATO si afferma un debito di circa 12 milioni di euro di quote TARSU non riscosse da cittadini nisseni, che l’ATO vorrebbe direttamente addossare, per un presunto principio di sussidiarietà, al Comune di Caltanissetta (in questa direzione si colloca l’azione portata avanti dall’ex assessore Pastorello unitamente ad altri amministratori locali della provincia ricadenti nell’ambito Nord, con la finalità di sondare il terreno per un eventuale accordo transitorio con i creditori, accordo che in ogni caso doveva essere sottoscritto e concesso proprio dall’Ato, a seguito della richiesta di accesso ad un mutuo agevolato, poi non più erogato dalla Regione Siciliana, e richiesto dal Consiglio Comunale nel Dicembre del 2014) . Giova evidenziare che la Due Diligence del prof. Stagno d’Alcontres fornisce utili valutazioni in merito ed altri importanti aspetti che, a nostro parere, sono stati fondamentali per la decisione di resistere alle richieste dell’ATO. La nostra scelta di secretare la Due Diligence nasceva, di fatti, dal bisogno di utilizzare tali valutazioni a seguito delle azioni che l’ATO intentò nei confronti del Comune di Caltanissetta, e che noi avevamo accolto con favore perché finalmente assegnava a terzi (la Magistratura) di stabilire se e in che misura sarebbe esistita una posizione debitoria del Comune. Non riusciamo ancora a comprendere, quindi, il perché non si renda pubblica la Due Diligence, peraltro considerata una semplice relazione, a seguito della decisione del sindaco Gambino e della sua giunta di recedere da qualunque azione avverso l’ATO, di aver approvato tutti i bilanci (nonostante la maggior parte dei comuni abbia votato contro), di essersi accollato il debito di circa 11 milioni di Euro già liquidato con l’accesso al fondo della CdP. Sarebbe un gesto di trasparenza, così tanto sbandierata in campagna elettorale, nei confronti delle forze politiche, dei consiglieri comunali direttamente responsabili dell’accollo del debito e della Città tutta che, unico caso in Sicilia, sborsa una cifra così rilevante.
  2. Ricordiamo che dal settembre 2013 il Comune di Caltanissetta non si è più avvalso dell’ATO per il servizio di pulizia, raccolta e conferimento in discarica dei rifiuti, quindi ci aspettiamo che i bilanci relativi agli esercizi 2013-2018, assegnino al Comune di Caltanissetta costi marginali rispetto agli anni precedenti che sono già definiti nel bilancio 2012.
  3. Restiamo convinti che gravare la cifra considerevole di 11 milioni di euro sull’intera collettività, inizialmente accantonate con saggezza e lo spirito del buon padre di famiglia dalle Amministrazioni precedenti nel caso di verifica certa di una condizione debitoria, senza spiegare come si sia arrivati ad accettare l’accollo di un debito così consistente, sia quanto di meno trasparente ci si possa aspettare da un Movimento nato per aprire i Palazzi come scatole di tonno. Né ci si può accontentare di liquidare la vicenda con il trasferimento della responsabilità al Ragioniere Generale del comune, il dott. Claudio Bennardo, che ha certificato il debito. Come richiesto dalle forze politiche di opposizione, tocca all’Amministrazione Comunale spiegare chi sono i creditori che si stanno pagando, quali servizi hanno reso alla Città di Caltanissetta ed in quale periodo, e perché non furono pagati allora. Un qualcosa che andava fatta prima di approvare i bilanci e di accollarsi il debito. Affermare che fino a quando non sarà chiusa la liquidazione dell’ATO, attività che non compete all’Amministrazione Comunale, non sarà spiegato nulla alla Città ci sembra irragionevole ed irrispettoso.

Comprendiamo bene cosa significa amministrate una Città, e sappiamo che tutte le scelte sono complesse e difficili, e per questo saremmo anche noi felici di chiudere la vicenda ATO che, sin dalla sua costituzione, ha rappresentato un carrozzone che ha generato costi impressionanti. Certamente il Sindaco Gambino ha molte più informazioni rispetto a quelle in nostro possesso, e se un giorno saranno chiarite le posizioni debitorie relative al Comune, anche noi potremo gioire della liquidazione dell’ATO, avendo contribuito, con i previdenti accantonamenti, a mantenere in sicurezza i conti del Comune affinché i cittadini nisseni possano continuare ad utilizzare tutti i servizi erogati.

Commenta su Facebook