Debiti fuori bilancio, consiglio rinviato. Nuova Civiltà: “Istituzioni assenti, minori rischiano trasferimento”

993

Il consiglio comunale che doveva approvare i debiti fuori bilancio è stato rinviato al 12 maggio, scatenando le dure reazioni degli operatori e dirigenti della comunità alloggio di Nuova Civiltà.

Tra i debiti fuori bilancio, infatti, ci sono le somme necessarie a pagare le rette e gli annessi servizi, per ospitare i minori che la Procura e le istituzioni preposte intimano di ospitare in comunità d’accoglienza, perchè vittime di violenza, abusi o anche di situazioni sociali degradate.

Ecco perchè Nuova civiltà ha sollecitato con urgenza l’approvazione dell’atto in consiglio comunale, perchè il rischio concreto è doppio. Oltre a vanificare il percorso di rinascita, questi ragazzini potrebbero essere trasferiti.

Eppure si tratta di bambini e ragazzi nisseni. “Ponzio pilato nisseno, barabba e la gogna degli innocenti”, si intitola un duro editoriale di Don Giuseppe Anzalone, presidente di Nuova Civiltà, in cui denuncia i ritardi del comune nel saldare le somme dovute alle comunità Alba e Germoglio. In tutto 700 mila euro, fanno sapere da Nuova Civiltà.

A Palazzo del Carmine, armati di striscioni, si sono presentati Gaetano Terlizzi, direttore delle comunità alloggio, Alessandro Amico, direttore Amministrativo, e numerose operatrici.

“Siamo qui convinti che ci sarebbe stato il consiglio comunale, rimandato per la quinta volta – spiega Terlizzi – Chiediamo perché non è stato riconosciuto questo debito fuori bilancio. Sono soldi che servono a gestire comunità alloggio per minori, inseriti perché abbandonati, abusati, e tutto questo per adulti che non si sono assunti le loro responsabilità. Oggi un’Istituzione si dimostra assente”, spiega il responsabile delle comunità alloggio per minori che gravitano attorno a Nuova Civiltà.

“Non abbiamo mai avuto il piacere di avere nella nostra comunità un rappresentante dell’amministrazione comunale e infatti molto spesso questo accade perché non si conosce il lavoro che si fa, la realtà e l’importanza delle comunità che sono a volte l’ultima spiaggia di questi bambini. Che non hanno voce e non hanno sempre il diritto a un futuro. Un minore, un bambino o un ragazzino, a cui viene tolto il diritto di costruire il futuro, diventa un pericolo per la democrazia domani. Quindi se non investiamo su questi ragazzi, con la prevenzione, domani sarà un problema. Oggi chiediamo spiegazione, il motivo per cui non è stato ancora assolto il dovere da parte di questa amministrazione a esitare il debito fuori bilancio”.

Un interrogativo che abbiamo cercato di dipanare in consiglio comunale dove il presidente della commissione bilancio, Sergio Averna, spiega che non tutti i debiti fuori bilancio hanno ancora ricevuto il parere positivo del dirigente del settore. E senza parere del dirigente non c’è neanche quello dei revisori dei conti, il che rischia di protrarre ulteriormente l’approvazione dell’atto. Con il parere favorevole, ci sarebbero gli atti riferibili a debiti fuori bilancio per le comunità alloggio pari a 230 mila euro. Questi potevano essere intanto approvati oggi, al consiglio che invece è stato rinviato.

“E’ giusto che l’amministrazione e l’opposizione si assumano la loro responsabilità davanti a questi bambini che non hanno voce, non votano, ma hanno dei diritti”, rincara la dose Terlizzi di Nuova Civiltà

Il pagamento delle rette dei minori ospiti dlele comunità, finisce nei debiti fuori bilancio perchè si tratta di impegni di spesa spesso non preventivabili. Un ordinanza del giudice, un provvedimento di allontanamento e via dicendo.

Ma da Nuova Civiltà fanno notare che le somme in questione non riguardano gli ultimi mesi, ma in alcuni casi somme arretrate di un anno o più.

La normativa, inoltre, consente ai comuni di anticipare fino al 80% delle spese sostenute, affermano i responsabili delle comunità alloggio. In tutto, i debiti fuori bilancio pervenuti sul tavolo del consiglio comunale, sono al momento oltre un milione di euro.

 

Commenta su Facebook