Davide La Paglia nello staff tecnico dell’Asd Città di Caltanissetta. “Mi approccio con tanto entusiasmo a questa nuova avventura”

295

Davide La Paglia entra a far parte dello staff tecnico dell’Asd Città di Caltanissetta. L’iconico sportivo nisseno, calciatore dalla brillante carriera, tra le figure preminenti del panorama cittadino, ha scelto di aderire al lungimirante progetto, dal Dna nisseno, della società calcistica presieduta dall’avvocato Sergio Iacona.

Davide, oltre al curriculum sportivo, è stato apprezzato da compagni ed avversari per i valori che ha saputo rappresentare sul rettangolo di gioco; spesso ha indossato la fascia di capitano, anche della Nissa, e poi è diventato per antonomasia, “Il Capitano”. Analoga forza ha speso e mostrato anche da quando nel 2008 è stato colpito dalla SLA: una lotta che non ha fiaccato il suo gagliardo spirito.

La sua competenza calcistica, le sue conoscenze, il suo enorme bagaglio di esperienza, adesso contribuiranno a far lievitare la qualità dello staff tecnico dell’Asd Città di Caltanissetta. Abbiamo chiesto a Davide di spiegarci il suo ruolo: “Io sono un collaboratore di Giovanni Italia, tecnico della formazione; guarderò le partite che giocano e dopo ci confronteremo con Giovanni. Dovevo guardare le altre squadre prima che le incontrassimo ma non è possibile perché non tutte le gare sono trasmesse su Facebook”.

L’intuizione del coinvolgimento del “Capitano” è nata dall’idea del vulcanico vice presidente e direttore generale, Antonio Emma: una brillante luce che ha illuminato ed acceso tutti i componenti della società

Alcuni giorni orsono il presidente Sergio Iacona e Alessio Sferrazza si sono recati in visita da Davide per ‘ufficializzare’ l’impegno. La Paglia racconta: “Sono venuti Sergio e Alessio; mi ha fatto tantissimo piacere vedere Sergio dopo tanto tempo. Mi approccio con tanto entusiasmo a questa nuova avventura di collaborazione tecnica con Giovanni con cui sono stato compagno di squadra ma anche l’ho avuto come allenatore. Per quanto riguarda la tattica sinceramente osservo molto le partite di qualsiasi livello ma, con il mio comunicatore ottico guardo tante tattiche di squadre di serie A; nella nostra categoria non è possibile perché il livello si abbassato tantissimo e non c’è più la voglia, quella che caratterizzava il gioco di quando io ero in campo, ma con Giovanni, che è un allenatore preparatissimo, ci sarà un ritorno al bel gioco”.

Sport ma, non solo. Ritorno ai valori, all’aggregazione, allo sport. Davide, uomo cresciuto con gli insegmenti dell’oratorio salesiano, evidenzia l’importanza dei luoghi formativi per i giovani caratterizzati da valori: “La mancanza adesso di tali luoghi è un problema rilevante perché l’oratorio è un’aggregazione importante per giovane sportivo: crescevi bene. Ho letto un’intervista di Roberto Mancini: anche lui andava all’oratorio e diceva che l’oratorio l’ha fatto crescere in tutto anche come uomo di sport”.

Il presidente Sergio Iacona ha sottolineato: “Il coinvolgimento di Davide La Paglia nella nostra società è un grande onore e ha un valore altamente simbolico. Conosco Davide da sempre, giocava nella Nissa di Valerio Terenzio di cui ero dirigente, e ho seguito il suo eroico percorso. Davide è il simbolo di chi non si arrende, la quintessenza della speranza cristiana e della fede. È un grande uomo, un marito e un padre perfetto ed è stato un grande calciatore, un nisseno capitano della squadra della sua città. La sua presenza e i suoi consigli saranno un potente stimolo e una grande ricchezza per una società fatta da un gruppo di amici che amano la nostra città e puntano sulla valorizzazione dei giovani nisseni”.

Commenta su Facebook