Dati covid, chiusa inchiesta. La procura di Palermo chiederà il processo per Razza e altri dirigenti

Sulle piattaforme informatiche regionali e ministeriali sarebbero stati caricati dati falsi sul monitoraggio dell’epidemia Covid in Sicilia. E’ l’ipotesi formulata dalla procura di Palermo che ha chiuso le indagini nei confronti dell’assessore alla salute Ruggero Razza e di altre cinque persone, tra gli altri l’ex dirigente dell’osservatorio epidemiologico Maria Letizia Di Liberti e il direttore del Servizio Mario Palermo. L’accusa per la quale la procura si accinge a chiedere il processo è quella di “falso in concorso”. Accusa sempre respinta dall’esponente del governo regionale dimessosi dopo l’inchiesta e poi richiamato in giunta da Musumeci.

Commenta su Facebook