Dal cuore della Sicilia parte un cammino turistico. Caltanissetta alla borsa del turismo religioso

3514

Buoni risultati alla Borsa del Turismo Religioso Internazionale di Roma. Con lo slogan “Caltanissetta tra culto, arte e tradizione. Dal cuore della Sicilia parte il tuo cammino”, destato l’interesse di diversi tour operator e buyers

Con il patron della BTRI Nicola Ucci
Con il patron della BTRI Nicola Ucci

Venerdì 23 giugno si è conclusa la BTRI, Borsa Turismo Religioso Internazionale, svoltasi a Roma a partire da mercoledì 21 presso il centro religioso “Casa la Salle”. L’importante manifestazione, giunta quest’anno alla terza edizione, si propone come un hub, ovvero un punto di incontro e scambio che riunisce e mette in comunicazione fra loro i vari attori del mercato turistico religioso e culturale: buyers, opinion leader della comunicazione e professionisti della cultura, dell’arte e dei servizi.

La partecipazione del Comune di Caltanissetta all’evento ha visto impegnati fianco a fianco nella promozione della città e del suo territorio l’Assessorato al Turismo, guidato da Ilaria Insisa e rappresentato dalla P.O. Maurizio Salvaggio e la Rete Museale, Culturale e Ambientale del Centro Sicilia con la presenza dei soci Alice Bifarella e Michele Mendolia Calella, entrambi esperti comunicatori e conoscitori del territorio nisseno. Anche il Sindaco Giovanni Ruvolo ha voluto essere presente ed è giunto in visita giorno 23 giugno.

Il Comune di Caltanissetta, in collaborazione con l’Assessorato Regionale al Turismo, è stato ospitato nello stand della Regione Siciliana, ottenendo una grande visibilità e traendo un sicuro vantaggio dalla contestualizzazione più ampia ma, al tempo stesso, specifica. Il programma della Borsa si è svolto nell’arco di tre giorni, articolandosi in una fitta serie di incontri, seminari, presentazioni, workshop tematici e laboratori. Mercoledì 21 giugno la manifestazione ha avuto inizio nel pomeriggio con l’apertura degli spazi espositivi e una tavola rotonda inaugurale su “Turismo religioso e culturale: contenuti e attori tra fede e mercato” nel corso della quale più volte è stato ribadito l’interesse per territori inediti, lontani dai circuiti più commerciali e battuti dal turismo dei grandi numeri.

Tour Operator polacchi
Tour Operator polacchi

Giovedì 22 nel corso della mattinata sono stati presentati i Cammini e gli Itinerari religiosi proposti delle regioni espositrici: la Sicilia ha ricevuto grande attenzione, specie per l’autenticità del nostro territorio e per il forte legame esistente fra le feste religiose e le tradizioni popolari. Nel pomeriggio si sono svolti diversi seminari, laboratori e una interessante tavola rotonda sul terremoto nel centro Italia e le sue conseguenza in termini turistici. La giornata di venerdì 23 è stata riservata all’incontro con gli operatori di settore, circa cinquanta buyers provenienti da tutta Italia ma anche da Francia, Spagna, Inghilterra, Stati Uniti, Danimarca, Polonia, Repubblica Ceca, Slovenia e Russia. I rappresentati del territorio nisseno hanno avuto modo di incontrare circa l’80% dei buyers, tutti interessati all’offerta turistica nissena, i quali hanno compilato una scheda di pre adesione agli educational tour che il Comune di Caltanissetta insieme alla Rete Museale, Culturale e Ambientale del Centro Sicilia intende organizzare nel prossimo futuro.

Foto partecipazione di Caltanissetta alla Borsa del Turismo Religioso Internazionale di Roma 4“Caltanissetta tra culto, arte e tradizione. Dal cuore della Sicilia parte il tuo cammino” è stato lo slogan con cui si è voluto promuovere e descrivere la città e il suo territorio, puntando in primo luogo sulla Settimana Santa, di certo l’evento più noto, ma anche e soprattutto insistendo sulla centralità logistica, sulla bellezza del paesaggio e sull’esistenza di una ampia offerta destagionalizzata in grado di spaziare su diversi ambiti e personalizzabile a seconda delle esigenze. L’idea di Rete, intesa come soggetto a conduzione ramificata che dialoga con altri territori, è piaciuta molto ai frequentatori della BTRI, ecco perché all’indomani della fiera la Rete Museale, Culturale e Ambientale del Centro Sicilia si è subito attivata con l’Amministrazione comunale e con tutti i soggetti coinvolti per incrementare e concretizzare l’offerta turistica promossa a Roma, confermandosi come unica realtà già esistente capace di promuovere il territorio del centro Sicilia in termini culturali e turistici.

Commenta su Facebook