Da Caltanissetta a Faenza: i Gattini di Salem approdano in finale al prestigioso PIVI 2020 insieme a Bugo, Morgan, Carmen Consoli, Ghemon, Gazzelle e altri.

286

Sono ormai una realtà indipendente apprezzata ed affermata in ambito nazionale, con un’ulteriore importante conferma, essendo stati selezionati con “Cari Parenti” tra i 45 finalisti per il PIVI 2020, il premio per il miglior videoclip indipendente dell’anno al MEI 2020, il più importante festival della musica indipendente italiana in programma dal 2 al 4 ottobre a Faenza (Ravenna).

Gattini di SalemLa band, formata da Daniele Venti, Francesco Di Stefano e Giuseppe Lauricella, nisseni doc, approda tra i 45 finalisti dopo una selezione iniziale tra migliaia di proposte e avrà come compagni di viaggio nell’ultima tappa artisti del calibro di Bugo e Morgan, Carmen Consoli e Colapescedimartino, Ghemon, Gazzelle e molti altri.

“Quello di Cari Parenti – spiega Daniele Venti – è un videoclip che racconta 40 anni di bugie della politica e della televisione italiana dalla morte del palinsesto pedagogizzante in poi. La canzone è un nostro vecchio classico sul disagio generazionale attuale. Probabilmente il pezzo più cantato nei nostri live set.”

Giovedì 27, sabato 28 e domenica 29 agosto, dalle ore 21.00, in diretta streaming sulla pagina Facebook, il canale Instagram e il canale YouTube del MEI, si terrà infatti la prima edizione dello STREAMING FESTIVAL del PIVI: tre serate in cui verranno messi in onda i 45 videoclip finalisti, anticipati da commenti, curiosità e aneddoti sui protagonisti.

Lo Streaming Festival avrà anche un suo premio: i video potranno essere votati dal pubblico su Facebook e Instagram e la clip che otterrà più like sarà premiata sul palco del MEI da un utente estratto tra quelli che hanno partecipato alla votazione.

Oltre a premio ufficiale e dello Streaming Festival, quest’anno ci sarà anche quello dedicato a #FattoeVistoinCasa, rivolto a tutti quegli artisti che hanno continuato la loro attività anche durante la quarantena pubblicando singoli, realizzando dirette, concerti in streaming e, ovviamente, pubblicando videoclip.

Anche quest’anno il MEI trasformerà Faenza per tre giorni in una vera e propria città della musica con concerti, presentazioni musicali e letterarie, convegni e mostre, affiancati da una parte espositiva rivolta agli operatori della filiera musicale con l’obiettivo di sostenere la crescita e la diffusione di una cultura musicale indie ed emergente. Verranno premiate le migliori realtà indie italiane grazie al circuito di AudioCoop, che rappresenta circa 200 piccole etichette discografiche indipendenti italiane, e saranno presenti, unico caso in Italia, i vincitori di oltre 100 festival e contest per emergenti provenienti da tutta la penisola e selezionati dalla Rete dei Festival, insieme ai loro artisti legati al circuito di AIA – Artisti Italiani Associati, presieduto da Renato Marengo, storico partner del MEI con Classic Rock on Air.

Commenta su Facebook