Cumuli di rifiuti in centro, Dusty bonifica e risponde: “Nessun disservizio, solo mancato rispetto delle regole da parte di alcuni”

156

In risposta alla lettera aperta di un cittadino, pubblicata dagli organi di stampa locali, Dusty precisa che la presenza di sacchi di rifiuti abbandonati nelle strade del centro storico non è dovuta a un disservizio – come evidenzia l’utente – , poiché l’azienda svolge regolarmente e quotidianamente gli interventi di pulizia, secondo le condizioni previste dal capitolato d’appalto.
“La problematica – spiega Dusty in una nota – è purtroppo imputabile al mancato rispetto delle regole e delle modalità di esposizione indicate nel calendario settimanale della raccolta differenziata, da parte di alcuni cittadini – sia le utenze domestiche sia le commerciali -, che dopo le costanti operazioni di bonifica effettuate dagli operatori Dusty, tornano puntualmente ad abbandonare i rifiuti”.
“Ogni giorno vengono elevate numerose sanzioni ai trasgressori – nella sola mattinata di oggi (2 agosto 2021) si sono contati 15 verbali – eppure alcuni utenti perseverano in comportamenti non virtuosi che provocano degrado ambientale. Lo conferma il fatto che il fenomeno si registra sempre nelle stesse zone. Inoltre, il recente cambio del calendario settimanale prevede la riduzione a
una sola giornata per la raccolta della frazione indifferenziata, dunque occorrerà un po’ di tempo affinché tutti i cittadini si adattino alla variazione”
Dal controllo effettuato nella giornata odierna dei sacchi esposti nelle vie Barone di Figlia e Berengario Gaetani, è emerso infatti, che gli utenti avevano conferito di tutto, non rispettando il calendario settimanale. Queste infrazioni sono state segnalate agli Organi competenti.
Dusty lancia “un appello alla collaborazione dell’intera cittadinanza per combattere i continui episodi di inciviltà che compromettono il decoro ambientale della città, vanificano gli sforzi compiuti dagli utenti virtuosi e pregiudicano il lavoro svolto quotidianamente dagli operatori Dusty”.

Commenta su Facebook