Cultura della legalità a Santa Caterina. I Carabinieri incontrano gli studenti.

719

foto conferenza principe grimaldiUna conferenza a cui hanno partecipato 120 ragazzi che frequentano l’istituto comprensivo “Principe Grimaldi” di Santa Caterina Villarmosa, accompagnati dai docenti, “per coltivare la cultura della legalita’ nei giovani” con i militari dell’Arma dei Carabinieri.

Stamattina,, in via Nazario Sauro, presso l’istituto comprensivo, il ten. Antonio Corvino, Comandante del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia Carabinieri di Caltanissetta e il maresciallo capo Fabio Cocilovo, comandante della locale stazione, hanno tenuto una conferenza nell’ambito del progetto diffusione della “cultura della legalità”.

L’incontro, svolto anche con l’ausilio di materiale informatico, ha avuto come argomenti i fenomeni potenzialmente di interesse quotidiano per i ragazzi, quali l’utilizzo delle utenze telefoniche di emergenza, il bullismo e i pericoli legati all’utilizzo di internet e della rete. Al riguardo sono stati dati i consigli per evitare di fornire i dati personali e/o le loro fotografie a persone sconosciute proprio per non cadere nella trappola della pedopornografia. Durante la conferenza è stata ribadita, inoltre, la necessità del rispetto reciproco e delle cosiddette regole di civile convivenza.

In particolare, approfondendo l’argomento del “bullismo”, attraverso l’interazione con i docenti e gli studenti presenti all’incontro, sono stati analizzati diversi episodi che nei mesi scorsi hanno avuto risalto sui quotidiani nazionali. Gli studenti hanno dimostrato grande interesse ed una partecipazione attiva, offrendo numerosi e puntuali contributi di pensiero.

L’incontro si è concluso nel cortile della scuola, dove i ragazzi, con curiosità ed entusiasmo, hanno visto da vicino un’autovettura “Alfa 159” in dotazione alla Compagnia di Caltanissetta, simulando i controlli con la centrale operativa e azionando i vari dispositivi sonori e luminosi.

Anche qui, tante le domande dei ragazzi ai relatori: in particolare hanno chiesto delucidazioni sul percorso che un giovane deve seguire per arruolarsi, sui ruoli, sui compiti e sulle funzioni legate al grado.

Tale iniziativa, che verrà riproposta a breve nell’ambito degli altri istituti scolastici del capoluogo nisseno e della provincia, si inquadra in una campagna informativa voluta dal comando provinciale dei carabinieri di Caltanissetta.

Commenta su Facebook