Crocetta Vince le Elezioni Regionali. Movimento 5 Stelle è il primo partito

668

Crocetta VinceCerto, qualcuno che aveva immaginato di vedere Giancarlo Cancelleri presidente della Regione, anche per via di sciagurati exit poll artigianali realizzati senza un minimo di metodo scientifico, ci sarà anche rimasto male. Tanto che in rete si leggono addirittura commenti del tipo “Grillo hai perso tempo in Sicilia”, oppure “perchè la sicilia non vuole cambiare”.

Come se essere il primo partito dell’Isola in cui Forza Italia aveva il 32% dei voti, del 61 a 0, oppure del 26% di PDS e Margherita, fosse poca cosa. Essere il primo partito in Sicilia, la regione da sempre poco avvezza ai cambiamenti, suggella oggi il più grande cambiamento politico degli ultimi anni. Sebbene rimane il neo, troppo grosso, dell’astensionismo alle stelle.

E’ una vittoria decisiva anche quella di Rosario Crocetta per la Presidenza della Regione siciliana. Per la prima volta, piaccia o non piaccia ai detrattori, viene eletto presidente un esponente dell’antimafia. Crocetta, infatti, vive tutt’oggi sotto scorta essendo stato più volte minacciato di morte dalla Mafia di Gela. Diventa presidente della Regione con il 30,5% dei voti che valgono 30 seggi ai quali si aggiungono 9 seggi compreso il suo più il premio di maggioranza di 8. Ma non gli basteranno per governare. “Nessun inciucio”, ha dichiarato “il sindaco dei siciliani”, che dovrà quindi presentarsi all’Ars con un profilo più tecnico che politico e con l’umiltà di chi chiede il voto ragionevole su singoli provvedimenti condivisibili.

Ecco di seguito i risultati definitivi dei candidati Presidente e delle liste collegate. Alla coalizione vincente, vanno aggiunti 9 seggi, ovvero il premio di maggioranza più il candidato presidente eletto anche all’Ars. Nessun seggio per le liste collegate a Giovanna Marano, sebbene la sinistra, con l’ex sindacalista della Fiom Cgil, abbia ritrovato la propria anima e sopratutto i voti (ha superato il 6%).

Elezioni Presidente e Seggi - Risultati definitivi

 

 

 

 

 

 

Commenta su Facebook