Crocetta, "sfiducia? non temo elezioni" e attacca Faraone: "parla come Lima e Ciancimino"

794

“Io sono pronto alla sfida, non temo le elezioni, mentre altri, che trionfalisticamente le vogliono, devono iniziare a temerle. Se dopo la scuola vogliono fare perdere a Renzi pure la Sicilia, prego facciano pure”. Così il Governatore siciliano, Rosario Crocetta replica a stretto giro di posta alla richiesta di mozione di sfiducia annunciata dal deputato Pd Fabrizio Ferrandelli.
Poi Crocetta è tornato ad attaccare frontalmente il sottosegretario all’istruzione del governo Renzi, il deputato siciliano Davide Faraone.
“Faraone usa lo stesso linguaggio dei Lima e dei Ciancimino… Non è un linguaggio da Governo democratico”. Così il Governatore Rosario Crocetta torna a criticare il sottosegretario Davide Faraone, dopo le polemiche tra i due dei giorni scorsi sui fondi che devono arrivare dal Governo Renzi a Palermo. “Uno che si autoproclama portavoce del Governo o proconsole – dice Crocetta – e che dice che Roma non ci da’ i soldi perché ci sono io, che linguaggio usa? Cioè la Sicilia dovrebbe pagare che c’è un Presidente non allineato?”. E dice che Faraone “si dovrebbe dimettere”. “La Sicilia ha un Governatore meno fesso di quanto molti credono”, aggiunge.

Commenta su Facebook