“Critiche sacrosante su questioni irrisolte. Adesso rasserenare il clima”

742
Ivo Cigna Segretario PD CL

Legittime le critiche, la politica sia capace di dare risposte. Il segretario del PD Ivo Cigna in vista della conferenza stampa che si terrà lunedì o martedì al massimo per la presentazione ufficiale della giunta, esterna la sue impressioni al termine di una lunga serie di incontri avuti con gli altri partner della maggioranza e il sindaco Giovanni Ruvolo. “Non è più tempo di mettere la testa sotto la sabbia. Inoltre serve rasserenare il clima con la stampa e l’apparato burocratico”, afferma Cigna, secondo cui l’Alleanza per la città esce rafforzata da questo rimpasto, dal momento che i nuovi assessori hanno un maggiore collegamento con il consiglio comunale.

“Abbiamo avvertito tutti l’esigenza di cambiare passo e il Pd si era espresso nettamente, quindi ne usciamo rafforzati. Si è rafforzata l’area di riferimento dei partiti della coalizione e c’è un collegamento migliore e più forte degli assessori con i consiglieri comunali. Avevamo avvertito in tal senso uno sfilacciamento e da questo punto di vista c’è un miglioramento. Bisogna comunque rimuovere i problemi che abbiamo sempre detto, sbloccare la macchina burocratica. I dirigenti vanno rassicurati e devono lavorare al meglio e questo è più importante delle sostituzioni di assessori”.

C’è una campagna martellante, soprattutto sul web, pronta a sottolineare responsabilità ed errori della giunta municipale. Il PD e la maggioranza hanno in cantiere una strategia per uscire dall’angolo?

“Partiamo dal fatto – spiega il segretario PD – che spesso si tratta di ragioni sacrosante, questioni abbandonate e lasciate irrisolte. Ai malumori bisogna rispondere e non mi sento di dire che ha torto chi ha criticato, sebbene ci siano pure alcune critiche pretestuose. Ma ci sono cose vere a cui non si è dato risposta e si è messa la testa sotto la sabbia. Per questo bisogna rasserenare il clima, ci sono tensioni diffuse e fuochi aperti che non permettono un buon lavoro”.

La nuova giunta nasce però con il rischio di non avere la maggioranza in consiglio comunale. Le tensioni dentro l’Udc con il consigliere Adriana Ricotta praticamente fuori dalla maggioranza, il consigliere Salvatore Calafato che sembrava più vicino alle posizioni del Polo Civico che ha invece firmato una dura nota con tutta l’opposizione e poi i gruppi di Moderati per Caltanissetta e Sicilia Futura, quest’ultimo che riguarda più da vicino il PD. Cosa pensa la segreteria del PD del silenzio di Sicilia Futura nell’attuale fase del rimpasto?

“Per me – conclude Cigna – è fondamentale non disperdere il patrimonio di intelligenze e competenze che si trovano in queste persone e in queste forze che hanno dato vita all’alleanza. Sicilia futura, i moderati, non vanno dispersi e faremo il possibile, anzi l’impossibile per valorizzarli”.

Commenta su Facebook