“Crimini di guerra e giustizia penale internazionale”, a Caltanissetta esperti a confronto

Martedì 31 Maggio alle ore 15.45, presso l’aula Magna “Saetta e Livatino” del Palazzo di Giustizia di Caltanissetta, si terrà il convegno dal titolo “Crimini di guerra e giustizia penale internazionale: le sfide attuali”.

L’incontro di studio, coordinato dal dott. Simone Petralia, è organizzato dalla Scuola Superiore della Magistratura, Struttura Territoriale della formazione di Caltanissetta, unitamente all’Ordine degli Avvocati e alla Scuola Forense Nissena e nasce dall’esigenza di offrire in termini giuridici una chiave di lettura a quanto sta accadendo in Ucraina e in altri territori martoriati del nostro pianeta.

L’attenzione sui crimini di guerra è altissima. Ad investigare, oltre alle autorità di Kiev, sono varie istituzioni internazionali, fra cui la Corte penale internazionale che, pur non essendo un organo di diritto dell’Onu, può essere attivata dal Consiglio di sicurezza che ha il potere di deferire alla Corte situazioni che altrimenti non sarebbero sotto la sua giurisdizione.

Anche il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha approvato a larga maggioranza l’apertura di un’indagine sulle atrocità commesse in Ucraina.

Per quanto le iniziative in sede internazionale possano avere un importante valore, va ricordato, purtroppo, che non esiste un meccanismo coercitivo che faccia sì che le condanne vengano poi effettivamente eseguite. Altra critica molto forte rivolta alla giustizia penale internazionale riguarda la lentezza del suo agire dovuta soprattutto al fatto di dipendere, per le indagini, dalla buona volontà degli Stati, quegli stessi Stati dove i presunti criminali – o persone a loro molto vicine – sono rimasti a lungo saldamente al potere.

Il punto della situazione lo faremo in questo convegno.

Introdurranno i lavori l’avv. Pierluigi Zoda, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Caltanissetta e la dott.ssa Stefania Coco Scalisi esperta in relazioni internazionali.

L’incontro si aprirà con un breve reportage dall’Ucraina realizzato sul campo dal giornalista del “The Guardian” Lorenzo Tondo. Il reportage sarà lo spunto di riflessione sui possibili crimini di guerra commessi in Ucraina. Il prof. Salvatore Angelo Zappalà ci illustrerà i compiti della Corte penale internazionale, mentre il dott. Cuno Jacob Tarfusser, già giudice della stessa, porterà direttamente la sua esperienza. Il dott. Marco De Paolis, Procuratore generale militare presso la Corte militare di appello di Roma, ci parlerà della giurisdizione penale con particolare riferimento al fenomeno dei cd combattenti stranieri (foreign fighters).

Concluderà i lavori il presidente della Corte di Appello di Caltanissetta, s.e. Maria Grazia Vagliasindi

Il convegno rappresenta un momento di confronto particolarmente importante per il rilievo e l’attualità e per l’autorevolezza dei relatori invitati.

L’incontro è aperto alla partecipazione di tutti gli operatori del diritto e di tutti i cittadini interessati all’argomento.

Commenta su Facebook