Crediti delle imprese con la PA. Pagano (Pdl): "Nostra vittoria per allenare patto stabilità UE".

814

Alessandro Pagano e Alfano“Dopo settimane di tatticismi e giochi di palazzo messi in atto da Pd e M5S, e culminate nella scandalosa ’occupazione’ delle presidenze dei due rami del Parlamento, ecco una notizia che dimostra quale sia il partito che continua a lavorare per il bene del Paese. Il vicepresidente del Pdl della Commissione europea Antonio Tajani ha infatti annunciato che la Commissione Ue si rende disponibile a considerare i debiti contratti dalle Pubbliche Amministrazioni nei confronti delle imprese quali ‘fattori attenuanti’ nella valutazione, da parte di Bruxelles, del rispetto degli impegni presi sul deficit”.

Ad affermarlo, in una nota, il deputato del Pdl Alessandro Pagano.

“Questo significa – prosegue Pagano – che le somme dovute dalla PA alle imprese, sotto il profilo contabile, non saranno comprese tra le voci di deficit e dunque non verranno considerate quali fattori atti a determinare lo sforamento del patto di stabilità”.

“Grazie al lavoro di Tajani è stata creata un’apposita task force per l’esatta determinazione dell’ammontare del debito e la conseguente interpretazione del patto di stabilità in maniera flessibile: in tal modo non solo le imprese potranno finalmente ripartire, ma potranno essere evitati fallimenti e delocalizzazioni”, conclude.

Commenta su Facebook