Covid, muore paziente a Gela, i parenti picchiano i sanitari e danneggiano ambulanza

A Gela i parenti di una paziente di 74 anni deceduta per Covid-19 hanno danneggiato un’ambulanza e picchiato gli operatori del 118 che erano andati a soccorrere la loro congiunta. E’ successo nel tardo pomeriggio in via Lecce, dove l’equipaggio “Charlie 6” si era recato per l’intervento di soccorso.

Gli operatori sarebbero arrivati sul posto in 10 minuti. Ma e’ finita male. La paziente e’ deceduta e i familiari hanno rotto i finestrini e parabrezza del mezzo e picchiato gli operatori. Uno di loro, l’autista soccorritore, al quale sono stati rotti anche gli occhiali, e’ stato preso a pugni al volto e adesso e’ al pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele. L’ambulanza al momento – una delle due che prestano soccorso a Gela – e’ in fermo tecnico per essere riparata. La polizia sta identificando i responsabili. Adesso, se ve ne fosse bisogno, occorrera’ attendere l’arrivo di un’ambulanza da Niscemi o da Butera per sostituire quella guasta. Tutto questo in un moment in cui la citta’ conta quasi mille positivi. (ANSA).

foto archivio

Commenta su Facebook