Costi della politica. Il PD presenta delibera per ridurli e ottimizzare le risorse.

700

IL popolo del PD nissenoIl gruppo del partito democratico manifesta apprezzamento per il lavoro effettuato sinora dalle commissioni consiliari competenti, relativamente alla riduzione dei costi dell’organizzazione istituzionale, politica ed amministrativa del Comune di Caltanissetta. Nel corso del confronto, la gran parte dei consiglieri comunali ha espresso chiaramente la volontà di accogliere, con provvedimenti ed atti concreti, la esigenza largamente condivisa che anche i pubblici amministratori della città siano direttamente coinvolti nel perseguimento degli obiettivi di risanamento della finanza pubblica, anche tramite una drastica riduzione del“ costo delle istituzioni e della politica”. Si tratta adesso di accelerare l’iter decisionale del provvedimento da adottare.

Angelo Scalia Capogruppo PD CLVa innanzitutto colta una ragione etica nella necessità che gli amministratori della città concorrano, per propria parte, all’impegno collettivo che tutti i cittadini italiani, anche a costo di notevoli sacrifici, stanno compiendo per affrontare una crisi senza precedenti. Una crisi,economica e finanziaria, che si è trasformata rapidamente anche in sociale ed istituzionale, colpendo pesantemente i ceti più deboli, i nuclei familiari più bisognosi e centinaia di imprese a rischio di sopravvivenza. La legittimazione democratica della classe dirigente passa anche dalla capacità di offrire un esempio limpido di consapevolezza e coerenza con questo drammatico contesto, partecipando all’impegno collettivo, proprio nel momento in cui sembra a rischio la stessa nozione di etica pubblica ed affiorano vecchi e nuovi egoismi di ceto, di classe e di territorio.

Per tali ragioni il PD, siamo certi insieme alla gran parte del Consiglio, avverte l’urgenza che le deliberazioni che deve assumere il civico consesso in tal senso, siano prontamente seguite da analoghe decisioni della giunta comunale relativamente alla riduzione delle proprie indennità ed a una sensibile riduzione dei costi della dirigenza, degli esperti e delle consulenze.

Il PD ritiene urgente che si operi nel contempo affinché il consiglio comunale regolamenti al più presto il lavoro delle commissioni consiliari, individuando rigorosamente e nello specifico la nozione di “presenza attiva ai lavori del consiglio e degli organismi consiliari”, rendendo nota all’opinione pubblica l’attività delle commissioni con la pubblicazione periodica dei tempi discussi e dei risultati conseguiti, attraverso tutti gli strumenti di comunicazione dell’amministrazione comunale, siti online ed altri organi di informazione.E’ necessario inoltre che si provveda a programmare i lavori delle commissioni evitandone la coincidenza delle convocazioni e l’accavallamento delle sedute.

Per quanto esposto, tenuto conto degli indirizzi e degli orientamenti emanati dal Governo nazionale per il contenimento della spesa pubblica, a partire dalla finanziaria 2006 e dai provvedimenti contenuti nella “Spending Review” dal Governo Monti e alla luce del dibattito sinora realizzato in commissione, il Partito Democratico propone di dare priorità alla seguente delibera:

Riduzione del 30 % del tetto massimo omnia comprensivo del compenso lordo spettante ai consiglieri comunali alla luce della normativa vigente, per i gettoni di presenza dovuti per la partecipazione alle sedute del consiglio comunali e delle commissioni consiliari.

Caltanissetta 21 dicembre 2012

IL GRUPPO CONSILIARE PD

 

Commenta su Facebook