Coronavirus, tamponi a tappeto in case di riposo e comunità. Tre casi positivi a Delia e due a Montedoro

637

Tre casi positivi al coronavirus si sono registrati a Delia nell’ambito degli screening su ospiti e personale di case di cura e comunità per anziani e disabili. Si tratta di tre anziani ospiti della comunità gestita dalla suore di Delia. Sono asintomatici e nelle ultime settimane non avevano avuto contatti sociali con nessuno dato che le visite in Rsa e case di riposo sono da tempo sospese in Sicilia. A comunicare la notizia il sindaco, Gianfilippo Bancheri, che ieri ha ordinato l’isolamento della struttura.

Due casi positivi anche nella casa per anziani Monte Solidale di Montedoro. Si tratta di un degente e un collaboratore della casa di riposo che non è residente in paese. L’anziano – secondo quanto riportato dal sindaco, Renzo Bufalino – dovrebbe essere ricoverato in queste ore nel reparto di malattie infettive del S.Elia di Caltanissetta. La comunicazione dell’Asp è stata ricevuta dal sindaco di Montedoro poco prima della mezzanotte di lunedì. Bufalino ha chiesto ai suoi concittadini attenzione e responsabilità sottolineando che il virus non distingue tra la fase uno e la fase due.

I casi di Delia e Montedoro si aggiungono ai due tamponi positivi su due ospiti di una casa alloggio per disabili di Mussomeli di cui aveva dato notizia nella tarda serata di ieri il sindaco, Giuseppe Catania. I due disabili ospiti della struttura non presentano sintomi da covid e anche nel loro caso la positività al coronavirus è stata accertata a seguito di una campagna di test a tappeto decisa dall’Asp presso case di riposo e case alloggio dell’intera provincia nissena. Nell’ambito di questa attività era emersa la positività di un ospite della comunità Terra Promessa di Caltanissetta.

Commenta su Facebook